Glass nuovo o vintage?

Le Streghe di Venezia in "prima assoluta" a Contemporanea di Musica per Roma.

Recensione
classica
Musica per Roma
Philip Glass
05 Dicembre 2009
Quest'opera-balletto è gia stata rappresentata alla Scala nel 1995 (e poi mai più) ma è quasi una novità, perché il libretto originale di Beni Montresor è stato arricchito con nuovi testi da Vincenzo Cerami e la musica di Glass è stata eseguita per la prima volta in versione acustica e non registrata, in un arrangiamento fatto su misura per PMCE - Parco della Musica Contemporanea Ensemble. È una favola per bambini ma si è deciso di rappresentarla in orario serale (comunque i bambini erano tanti, perché giustamente gli adulti hanno portato anche i figli) in considerazione del fatto che Glass non è caduto nella trappola del semplicistico e ha scritto una partitura "seria". Questa volta nelle fitte trame sonore della sua solita musica ripetitiva s'inseriscono però anche spunti fantasiosi e arguti, che contribuiscono al fascino di questa bizzarra storia. Magia e sorpresa abbondano nella messa in scena di Giorgio Barberio Corsetti e dei suoi numerosi collaboratori, che è un esempio di come si dovrebbero rappresentare queste opere per bambini, senza quegl'infantilismi che non servono più a catturare l'attenzione dei bambini dell'era di internet. Con un grande schermo e le proiezioni, usando il vecchio trucco del chroma key con abilità tecnica e soprattutto molta fantasia, il regista riesce a lasciare a bocca aperta e incantare non solo i bambini ma anche gli adulti, con prodigi e trasformazioni di persone e cose che diventano gigantesche o microscopiche, divertenti o spaventose. Insieme ai video c'è l'altro marchio di fabbrica del regista romano, il circo, con pantomime di clown e voli di acrobati, che si spingono fin sulle teste del pubblico. Il PMCE è ben diretto da Toni Battista, in palcoscenico si segnalano Carmen Romeu, Anna Goryacheva e naturalmente i due bambini.

Note: Produzione originale - Prima assoluta

Interpreti: Carmen Romeu (la fata, la strega madre), Anna Goryacheva (la domestica, la strega), Gianluca Bocchino (il re), Simone Alberti (l'orco), Matteo Graziani/Francesco Passaretti (bambino-pianta), Maria Luisa Paglione/Daniela Sbrigoli (narratrice). Acrobati: Julien Lambert, Erika Bettin, Daniele Sorisi, Laura Trefiletti

Regia: Giorgio Barberio Corsetti

Scene: Giorgio Barberio Corsetti e Mariano Lucci

Costumi: Marina Schindler

Coreografo: Julien Lambert

Orchestra: PMCE - Parco della Musica Contemporanea Ensemble

Direttore: Tonino Battista

Coro: Cantori del Coro Arcobaleno dell'Accademia Nazioanle di Santa Cecilia

Maestro Coro: Carmela Ansalone

Luci: Gianluca Cappelletti - Video di Angelo Longo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Mannheim Anna Viebrock allestisce La chute de la maison Usher di Claude Debussy come un’installazione sul tema (anche) della paura 

classica

In provincia di Udine un'associazione organizza serate di contemporanea per 20 persone, nel salotto di una villa

classica

Successo al Teatro Regio di Parma per le Variazioni Goldberg del pianista iraniano