Festa mozartiana nell'Emilia dello zoccolo duro

Tutto Mozart con Anderszewski e la Mahler Chamber Orchestra per l'inaugurazione primaverile di Ferrara Musica

Recensione
classica
Ferrara Musica Ferrara
09 Marzo 2006
Ferrara Musica inaugura la stagione di primavera e in sala pullula il supplemento Mozart del Giornale della Musica. Successo per l'uno, successo per la Mahler Chamber Orchestra, da anni in residence qui, dove Claudio Abbado mantiene forte eco e George Edelmann, dal 2005 nuovo direttore artistico, amministra con sagacia le faccende italiane di questa orchestra che, per fortuna, non sempre suona al top delle proprie possibilità (il "per fortuna&amp" vale come compiacimento per un tratto d'umanità che le cose odierne della musica ci negano perlopiù, costringendoci a defatiganti ascolti di interpreti automatizzati). Programma un po' sbilenco per equilibri, con una prima parte cameristica e una seconda concertistica, con l'eccellente Piotr Anderszeski solista e direttore dei Concerti K 414 e 491, preceduti dall'Ottetto per fiati K 388 (anticipatore di materiali subito ripresi nei concerti viennesi) e dal Quintetto per archi K 515: buona la lettura dei fiati, lettura e non moltissimo di più quella del quintetto, che sfrutta abilità consumata di questi ottimi strumentisti ma lascia aperto qualche piccolo cedimento d'intonazione e non si spinge a profondità interpretative da ricordare. Il meglio, la Mahler lo dà nei due Concerti, che Anderszewski scandaglia da par suo con eleganza e con la fantasia e la varietà di tocco che ne segnano la cifra interpretativa. Curioso: l'Ottetto K 388, l'altra sera, lo si ascoltava in contemporanea a Modena, dove i Solisti dell'Orchestra Mozart di Abbado inauguravano il Festival della Gioventù Musicale, e lo si era appena ascoltato a Bologna per mano degli stessi giovani della Mozart. E' l'Emilia abbadiana, zoccolo durissimo, in spolvero come non mai.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Teatro del Maggio: le tre opere di Puccini dirette da Valerio Galli

classica

Händel per l’Oper Frankfurt al Bockenheimer Depot con la regia di R. B. Schlather

classica

Successo di pubblico per le sorelle Labéque, al Romaeuropa Festival insieme a Bryce Dessner e David Chalmin