Col legno in festival

show a Lucca dei musicisti legati alla casa discografica e all'Accademia Montegral

Recensione
classica
Accademia di Montegral
17 Maggio 2009
La casa discografica Col legno ha cambiato pelle. Da storica etichetta votata alla musica contemporanea si è rivolta dal 2005 ad un repertorio misto, intrecciando stretti rapporti con Gustav Kuhn, l'Accademia di Montegral, il Festival di Erl. Il risultato è un catalogo vario, un po' pazzo, multicolore come le copertine dei suoi dischi, che va dalle opere di Wagner al folk tirolese, ma conservando uno zoccolo duro di musica contemporanea di grande qualità. Ogni anno viene presentata un vetrina degli artisti della scuderia Col legno, nel panoramico Convento dell’Angelo vicino a Lucca: esibizione di giovani cantanti legati all'Accademia (molto promettenti il tenore messicano Luis Chapa e il giovane basso russo Pavel Shmulevich), dei pianisti di punta dell'etichetta (Riccardo Schwartz, Davide Cabassi). A tenere alta la bandiera della musica contemporanea ci ha pensato Alfonso Alberti, che ha eseguito alcuni pezzi di Gérard Pesson, freschi di incisione (WWE 20285): un'esecuzione controllata e folgorante che ha svelato il sottile humour del compositore francese, nell'ostinato "ferroviario" del "Poète Takuboku en train", nelle pagine ritmiche, rarefatte, percussive dei "Trois Pièces pour piano". Alberti ha anche deliziato il pubblico con l'esecuzione di "Variazioni su un oggetto di scena" di Luciano Chessa che coinvolgevano nella performance anche degli orsacchiotti, e con il virtuosistico "Escalier du diable" di Ligeti. Compositore ospite quest'anno era il compositore tedesco Moritz Eggert (per la Col legno ha inciso Amadé Amadé, WWE 20284) che ha eseguito, da pianista provetto e scatenato, una selezione dal ciclo "Hämmerklavier", con un'azione martellante, teatrale, piena di elementi di performance, suonando anche coi piedi e col sedere!

Interpreti: Jeanpierre Faber, Luis Chapa, Pavel Shmulevich, Jasminka Stančul, Riccardo Schwartz, Davide Cabassi, Alfonso Alberti, Moritz Eggert, Francesca Pedaci

Direttore: Gustav Kuhn

Coro: Chorakademie der Tiroler Festspiele

Maestro Coro: Marco Medved

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La conclusione della terza edizione del festival Purtimiro di Lugo, con Sogno Barocco e Concerto Italiano

classica

Perplessità per molti dei lavori di teatro musicale presentati nella rassegna veneziana curata da Ivan Fedele 

classica

Ad Ancora Rossini secondo la regia di Francesca Lattuada