The Bassarids inaugurano l'Opera

Roma: ottima esecuzione dell'opera di Henze, a quasi cinquant'anni dalla prima a Salisburgo

Recensione
classica
Teatro dell'Opera di Roma Roma
Hans Werner Henze
27 Novembre 2015
"Le Baccanti" di Euripide è una delle tragedie greche più potenti e anche più oscure ed enigmatiche. Lo scontro tra un uomo - Penteo, re di Tebe - che si fa guidare dalla ragione, dalla legge e dalla morigeratezza e Dioniso, irrazionale e senza limiti ma divino e potente, quindi "giustamente" trionfante, è di difficile decifrazione. E si complica ulteriormente nell'interpretazione moderna che ne dà il libretto di Auden e Kallman. Un testo così problematico sembrerebbe adatto all'esegesi critica più che alla musica, eppure Henze vi ha costruito un'opera breve - due ore, ma densissime - che è una pietra miliare del suo teatro e forse di tutto il teatro musicale della metà del secolo scorso. Ci riesce proprio perché non offre una sua interpretazione ma mette in musica "epicamente" - e questo ammette e giustifica l'eclettismo stilistico - il viluppo di forze e di principi contrapposti in campo, con urgenza drammatica e tempi serrati, senza mai soffermarsi neppure per un attimo a compiacersi di sé stesso, della propria musica, della propria capacità di coinvolgere emotivamente l'ascoltatore. Ma inevitabilmente, quando entra in scena il dionisiaco, la musica si trova nel proprio elemento e si impone da protagonista. E uno spiraglio più tradizionalmente operistico si apre col lamento di Agave sul corpo del figlio, da lei fatto a pezzi quando era invasata dal dio: una vera e propria aria melodica - quasi neopucciniana - che non giova al severo e asciutto equilibrio di The Bassarids. La realizzazione musicale, assai complessa, è stata di ottimo livello. Indiscutibile la direzione di Stefan Soltesz, eccellente la prestazione dell'orchestra e del coro. Ottimi i solisti: Ladislav Egr (Fionysus), Russel Braun (Pentheus), Mark S. Doss (Cadmus) e particolarmente Veronica Simeoni (Agave) e Sara Fulgoni (Beroe). Passando alla realizzazione scenica, l'azione - che il libretto avrebbe voluto ben scandita dalle diverse ambientazioni - viene interamente racchiusa in uno stanzone simile alla hall di un grande albergo del primo Novecento, già visto tante volte. È rispettata invece la differenziazione dei costumi - alcuni antichi, altri moderni - dei diversi personaggi. La regia di Mario Martone segue e spiega il testo talvolta in modo funzionale, talvolta invece con grande forza: da citare il momento in cui un gioco di specchi rivela nel sottosuolo quelle forze orgiastiche e dionisiache che sono già penetrate a Tebe e nel palazzo di Penteo. Teatro pieno: alla fine parte del pubblico è rimasta perplessa e silenziosa, ma la maggioranza ha applaudito a lungo.

Note: Prima esecuzione in Italia nel testo originale inglese Nuovo allestimento

Interpreti: Ladislav Elgr, Russell Braun, Mark S. Doss, Erin Caves, Andrew Schroeder, Veronica Simeoni, Sara Hershkowitz, Sara Fulgoni

Regia: Mario Martone

Scene: Sergio Tramonti

Costumi: Ursula Patzak

Coreografo: Raffaella Giordano

Orchestra: Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma

Direttore: Stefan Soltesz

Coro: Coro del Teatro dell'Opera di Roma

Maestro Coro: Roberto Gabbiani

Luci: Pasquale Mari

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Festival Aperto di Reggio Emilia bel successo per la prima dell’opera di Dmitri Kourliandski su testo di Nastya Rodionova