Architetture in movimento per Reich

Applauditissima dal pubblico catanese la nuova e fresca versione coreografica di Drumming

Recensione
classica
Associazione Musicale Etnea Catania
18 Maggio 2013
Nonostante le drammatiche strettezze che attanagliano attualmente il sistema-spettacolo dal vivo siciliano, alcune battagliere realtà – non certo tra le più ricche, quali Associazione Musicale Etnea e Scenario Pubblico-Compagnia Zappalà Danza – compiono un piccolo miracolo, realizzando una prima coreografica su un’esecuzione dal vivo di Drumming di Steve Reich curata da I Percussionisti del Conservatorio di Palermo. L’energia e la passione dei giovani esecutori coordinati da Fulvia Ricevuto, contando sull’acustica ottimale del teatro di Scenario, genera di uno dei riconosciuti capolavori del minimalismo un’interpretazione esaltante le coordinate architettoniche e la costruzione di sonorità complessive, assorbendo volutamente al massimo gli interventi episodici delle voci e dei fiati acuti nella texture. Al risultato musicale, compatto e ben profilato nella temporalità (al di là dello sgusciar fuori transitorio di alcuni dettagli), si combinano assecondandolo le coreografie per i 14 danzatori del collettivo di perfezionamento – MoDem Studio – della Compagnia: Loris Petrillo non insiste su omologie troppo strette fra strutture musicali e gestuali, preferendo lavorare su aspetti più categoriali, associabili alla partitura di Reich (azione-reazione tra gli elementi o gli insiemi dell’ensemble; modularità) e disegnati con movimenti tanto organici quanto assoluti, ma soprattutto lasciando sola la musica in due delle quattro sezioni plasmando perciò altri vuoti-pieni oltre quelli già presenti in partitura. Successo entusiastico, e – si spera – benaugurante per queste e altre consimili ma sofferenti realtà musicali isolane.

Note: prima assoluta in questa versione coreografica

Interpreti: Gabriele Fuschi, Carmelo Prestimonaco, Alessio Magnanimi, Davide Pendino, Gaspare Renna, Cristian Cavaliere, Giuseppe Marino, Sergio Calì, percussioni. Gabriele Palombo, percussioni e whistle. Alessandro Lo Giudice, ottavino. Dalila Virga, Roberta Sava, Antonella Schirò, voci. Fulvia Ricevuto, coordinamento musicale. Agata Bulferi Bulferetti, Amanda Gouveia, Anna Solinas, Camilla Maria Scarnò, CHiara Francesca Di Tizio, Jessica De Masi, Laura Zamora Soler, Lucia Pallonetto, Luigi Vilotta, Maria Francesca Ghiretti, Rosalda Zangrì, Sonia Mingo, Stellario Di Blasi, Valeria Giusy Fichera, danzatori.

Corpo di Ballo: MODEM STUDIO, corso di perfezionamento della Compagnia Zappalà Danza

Coreografo: Loris Petrillo

Orchestra: I Percussionisti del Conservatorio di Palermo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.