A Vienna i Musiktheatertage

Dal 12 settembre spazio al teatro contemporaneo

News
classica
Opera of Time (Foto Ulli Koch)
Opera of Time (Foto Ulli Koch)

Il settembre viennese sarà più che mai nel segno del teatro musicale del 21° Secolo: Il 26 la Neue Oper Wien presenterà la prima austriaca dell’opera Angels in America di Peter Eötvös; solo una settimana prima (19, 20 e 21) invece andranno in scena tre repliche di Dyonisos Rising di Roberto David Rusconi (), opera che a gennaio aveva riscosso notevole successo in occasione della sua prima assoluta a Trento.

Ma ad aprire la stagione sarà il minifestival Musiktheatertage: questa rassegna esiste dal 2014 e punta tutto su formati off e non convenzionali, presentando tramite produzioni di compositori austriaci e internazionali un’idea pluralistica di teatro musicale contemporaneo. La rassegna di quest’anno (dal 12 al 21 settembre) porta il titolo "Mythos Zivilisation” e si interrogherà tra le altre cose su alcune menzogne e mezze verità costantemente usate per legittimare ingiustizie e dislivelli sociali. Inaugureranno il festival un’istallazione corale di Peter Jakober e Opera of Time di Thomas Jelinek e Jorge Sánchez-Chiong. A seguire, Lies of Civilization, un quadrittico collettivo di  Malte Giesen, Øyvind Mæland, Natalia Domínguez e Yiran Zhao e How is your Bird?, un esperimento di teatro musicale per bambini e adolescenti ispirato da Frank Zappa. Inoltre: Composizioni di Bertl Müller, Roman Grygoriv e Illia Razumeiko con la compagnia ucraina Ensemble Nova Opera, Angélica Castelló e Humbug, una rivisitazione scenica di una composizione di Bernhard Lang fatta da Evan Gardner e dall‘Opera Lab Berlin. Inoltre, il 14, all‘interno del festival si terrà una conferenza internazionale dedicata alla programmazione e al networking nell’ambito del  teatro musicale di oggi.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Chiusi per precauzione i teatri lombardi

classica

Premiati il francese Samir Amarouch, l’americana Catherine Lamb e l'italiana Francesca Verunelli 

classica

In conseguenza delle misure sull’immigrazione annunciate dal governo Johnson per Brexit anche i musicisti avranno bisogno di un visto