Un Premio a Sergio Ragni

A Napoli un riconoscimento allo studioso rossiniano

News
classica
Sergio Ragni
Sergio Ragni

“A Sergio Ragni, per lo studio del melodramma italiano dei primi decenni del secolo Diciannovesimo condotto con rara acribia e particolare approfondimento dell’opera di Gioacchino Rossini”. Così recita la presentazione del premio “Oltre L’Orizzonte” assegnato a Ragni - gran signore della cultura e degli studi rossiniani, condotti con incontentabile rigore filologico, spinto all'estremo del collezionismo - dall’associazione ex allievi del Conservatorio di musica San Pietro a Majella, alla quindicesima edizione il 5 novembre presso l’Auditorium dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte a Napoli.  

Memorabile la sua raccolta di cimeli rossiniani e importantissima la sua biografia di Isabella Colbran, di recente insignito della cittadinanza onoraria pesarese, Ragni dal 1992 è curatore dell’epistolario per la fondazione Rossini di Pesaro, giunto al sesto volume. Più di settecento pagine racchiudono quattro anni di lettere in italiano, francese e tedesco dal gennaio 1836 al 28 aprile 1839; l’ultima coincide con la morte del padre di Rossini. Tra tutte spiccano carteggi con Mendelssohn, che aprono nuove prospettive sulla storia della musica in Occidente.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L’attuale sovraintendente della Staatsoper di Berlino sostituirà Andreas Homoki all’Opernhaus di Zurigo dal 2025

classica

A Salisburgo presentato il programma del Festival di Pentecoste diretto da Cecilia Bartoli che sarà dedicato alle musiche ispirate alla città iberica

classica

Una nuova stagione concertistica all’Auditorium Lo Squero e diversi concerti di musiche orientali