Un piano di emergenza per Salisburgo

Il Festival di Salisburgo annuncia un piano in tre livelli per gli eventi in programma a Pentecoste e per l’edizione del centenario da luglio 

News
classica
Il direttorio del Festival di Salisburgo: Lukas Crepaz, Helga Rabl-Stadler, Markus Hinterhäuser (foto Festival di Salisburgo /Lydia Gorges)
Il direttorio del Festival di Salisburgo: Lukas Crepaz, Helga Rabl-Stadler, Markus Hinterhäuser (foto Festival di Salisburgo /Lydia Gorges)

Malgrado la chiusura delle frontiere, nemmeno l’Austria si salva dall’infezione di Covid-19 e in particolare il Tirolo. Come in tutti gli altri paesi europei, i luoghi di spettacolo sono chiusi dal 16 marzo e lo rimarranno fino al 13 aprile, salvo estensioni.

Il Festival di Salisburgo annuncia un piano di emergenza in tre livelli. Il livello 1 scattato all’inizio dell’emergenza ha portato alla chiusura di uffici e spazi utilizzati per gli spettacoli oltre a operare, quando possibile, il lavoro a distanza per direttorio e amministrazione. Il livello 2 è atteso alla luce delle decisioni che le autorità austriache prenderanno il 15 aprile, che potrebbero avere conseguenze sul Festival di Pentecoste in programma dal 29 maggio al 1 giugno. Markus Hinterhäuser, direttore artistico del Festival di Salisburgo, e Cecilia Bartoli, direttrice artistica del Festival di Pentecoste, stanno valutando possibili modifiche al programma e al piano prove.

Il livello 3 potrebbe scattare il 30 maggio se l’emergenza continua. In quel caso a rischio sarebbe l’edizione del centenario, il cui programma potrebbe subire modifiche sostanziali nell’impossibilità di mettere in atto un adeguato piano prove. 

Ribadendo l’impegno a garantire il più elevato livello artistico ai propri festival, il direttorio sottolinea che la salute ha priorità su qualsiasi aspetto artistico o economico e auspica che le celebrazioni per il proprio centenario possano avvenire secondo il calendario previsto. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Continua la serie di cancellazioni delle rassegne musicali dell’estate a causa del Covid-19 

classica

Cecilia Bartoli ha dato l’annuncio della cancellazione, dopo la decisione del governo di prolungare la chiusura dei teatri fino a fine giugno 

classica

All’asta di primavera del commerciante di autografi berlinese J.A. Stargardt sono stati venduti spartiti e lettere, di Mozart, Wagner e Chopin