Teatri lirici in sciopero per il rinnovo del contratto

Saltano le prime a Torino, Palermo, Napoli

News
classica
Il Teatro Regio di Torino
Il Teatro Regio di Torino

Pioggia di scioperi nelle fondazioni lirico sinfoniche per il rinnovo del contratto nazionale:

«Dopo venti anni di mancati rinnovi contrattuali che hanno eroso il potere d’acquisto di quasi il 40% e leggi mortificanti per colpire i lavoratori del settore, l’atteggiamento della controparte durante la trattativa per il rinnovo del CCNL appare irritante se non addirittura offensivo  il governo dovrebbe finalmente passare dalle parole ai fatti, dai proclami elettorali alla ferma volontà nel voler difendere ed investire nel settore che più di ogni altro rappresenta l’identità della nostra Nazione, quello della Cultura. Allo stesso modo, l’ANFOLS, non può ancora chiedere sacrifici a chi sino ad ora, solo con la propria contrazione salariale ed occupazionale, ha risanato i conti delle fondazioni i cui manager ed amministratori spesso si sono dimostrati non all’altezza del loro compito. Dispiace per il pubblico e per la città di Palermo, sono per prime le maestranze del Massimo a rammaricarsi nel privarsi di un appuntamento così tanto atteso, ma non si può più rimandare una lotta che oramai sta diventando di pura sopravvivenza» spiegano i sindacati del Teatro Massimo di Palermo. Così il 21 ottobre è saltata la prima di Bohème al Teatro Regio di Torino, il 24 ottobre niente Don Giovanni al Massimo di Palermo, il 25 ottobre cancellato Maometto II al San Carlo di Napoli.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Da sei anni la polizia finlandese fa diffondere musica classica per impedire le feste nella spiaggia di Espoo

classica

L’annuale festival estivo abbraccia i grandi classici e i Radiohead, l’elettronica e antichissime tradizioni musicali di tutto il mondo

classica

Da lunedì 1 luglio si terrà l’ottava edizione del Concorso Internazionale dedicato ai violinisti più giovani, anticipato da un fitto calendario di eventi.