Parma: fuga dal cda

Teatro Regio: la Fondazione Banca Monte lascia

News
classica
Dopo l'abbandono della Camera di Commercio di fine luglio (vedi l'inchiesta pubblicata sul "giornale della musica" di settembre, ndr), il consiglio d'amministrazione della Fondazione Teatro Regio di Parma subisce un'altra defezione. Ieri, infatti, il sindaco Federico Pizzarotti - eletto nello scorso mese di maggio per il Movimento 5 Stelle - in qualità di Presidente della Fondazione ha ricevuto la comunicazione ufficiale dell'uscita della Fondazione Banca Monte (una delle due fondazioni bancarie cittadine, assieme alla Fondazione Cariparma) dal CdA del Regio. Le motivazioni della decisione pare siano da ricercare nella mancanza di chiarezza sull'ente e sulle sue prospettive future. Nella serata di ieri un comunicato del Comune recitava: "Federico Pizzarotti conferma l'avvenuto recesso pervenuto in forma scritta in data odierna, e ribadisce la volontà di perseguire qualunque via renda possibile una rinnovata coesione, fermo restando la necessità di rinnovamento funzionale ad un rilancio del Teatro". In attesa della nomina del nuovo sovrintendente - annunciata per i primi giorni di settembre - oggi è prevista la riunione dello stesso CdA, che rimane quindi ormai composto, oltre che dallo stesso Pizzarotti, dal neo assessore alla cultura Laura Ferraris e dal commercialista Marco Alberto Valenti, anche quest'ultimo nominato dal sindaco. Alessandro Rigolli

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentata la stagione 2020-21 dell'Accademia di Santa Cecilia, che segue le linee consuete, con qualche interessante novità

classica

Anna Netrebko ha contratto il coronavirus durante alcune recite al Bolshoi di Mosca, Edita Gruberova ha cancellato il suo recital a Firenze

classica

Allo Sperimentale di Spoleto un Rigoletto portato in scena come una spietata partita a scacchi, che offre anche la soluzione per rispettare le norme contro il contagio