A New York niente musica fino a gennaio

La Metropolitan Opera e la New York Philharmonic annunciano che non riprenderanno la programmazione regolare prima del nuovo anno

News
classica
La New York Philharmonic
La New York Philharmonic

Dopo la Metropolitan Opera, anche la New York Philharmonic cancella tutti i concerti fino al prossimo 5 gennaio. Decisione difficile ma obbligata, secondo la manager dell’orchestra Debora Borda: “La nostra preoccupazione principale è la salute e la sicurezza del nostro pubblico, dei musicisti e del personale” A spingere per questa drastica soluzione è il divieto agli assembramenti, che sembra difficile venga sollevato prima della fine dell’anno considerata l’emergenza sanitaria nell’aria di New York a causa del Covid-19.

Per la stessa ragione, qualche giorno fa il direttore generale della Metropolitan Opera, Peter Gelb, ha annunciato la decisione di cancellare i primi mesi della stagione 2020/21 rinviando l’apertura al 31 dicembre con un gala lirico. Per l’impossibilità di garantire prove adeguate alle nuove produzioni di Die Zauberflöte e Don Giovanni firmate rispettivamente da Simon McBurney e Ivo van Hove, verranno ripresi gli spettacoli di repertorio di Juliet Taymor e Michael Grandage. Saltano anche le nuove produzioni di Aida e L’angelo di fuoco, rinviate a stagioni future. Confermata invece la prima newyorkese di Dead Man Walking di Jake Heggie con la regia di Ivo van Hove e la direzione di Yannick Nézet-Séguin, che sarà anche sul podio del Met per Don Giovanni, Die Frau ohne Schatten e Roméo et Juliette. Contrariamente a quanto annunciato, cancellata la pausa di metà stagione in febbraio il teatro resterà aperto per proporre riprese di La bohème,Carmen e La traviata. In marzo, la prevista ripresa di Lulu nella produzione di William Kentridge sarà sostituita dal più popolare Barbiere di Siviglia con la stessa protagonista Brenda Rae.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Quattro incontri su Bach del pianista e studioso italiano presso la prestigiosa università californiana

classica

Il Ministro federale per la Cultura si esprime a favore della riapertura e l’Agenzia federale dell’Ambiente descrive le condizioni per ripartire

classica

35 ballerini positivi al Covid