Naná Vasconcelos 1944-2016

La morte del percussionista pernambucano

News
world
Naná Vasconcelos è morto la mattina del 9 marzo. Gli è stato fatale l’aggravarsi di un tumore ai polmoni che stava cercando di curare dall’anno scorso, affrontando la malattia con la musica, la poesia e il buon umore che ha sempre contraddistinto i suoi rapporti umani e i suoi lavori artistici. Dopo l’ultimo concerto a Salvador, era di nuovo ricoverato dalla settimana scorsa. Il percussionista e compositore pernambucano, autodidatta, era ancora in piena attività e a dicembre 2015 aveva ricevuto la laurea honoris causa dall’ UFRPE, l’Università Federale Rurale del Pernambuco.

La sua musica abbraccia cinque decenni e conta otto premi Grammy e otto primi posti consecutivi (1983-90) nella classifica "Down Beat" come miglior percussionista. Identificato inizialmente con il berimbau, ha suonato e creato una varietà di strumenti a percussione, collaborando ai primi lavori di Milton Nascimento (1967), Gato Barbieri (1971), Don Cherry (1972). Africadeus (1972) è il primo di una ventina di album a suo nome o in dialogo con artisti quali Egberto Gismonti, Woody Shaw, Pat Metheny, Antonello Salis (con cui condivide nel 1990 lo splendido Lester). Le ultime fatiche discografiche l’hanno visto a fianco dei Barbatuques, con cui ha condiviso la colonna sonora del film di animazione O menino e o mundo e la traccia “Tá na roda” nell’album Ayù, uscito a fine 2016: con loro avrebbe dovuto condividere il palco questa settimana.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

world

Al via il concorso “Adotta un canto, scopri una tradizione”, dell'associazione Altrosud con Squilibri editore

world

La musica reggae è stata inclusa tra i Patrimoni immateriali dell'umanità dall'Unesco

world

Il gruppo pugliese ha vinto il premio come miglior gruppo agli "oscar" della world music