Musiche aperte a Forlì

Il 13 e 14 ottobre la terza edizione di Forlì Open Music, con grandi proposte: Irvine Arditti, Enrico Pace, Igor Roma, DKV, The Necks...

News
oltre
Arditti - Forlì Open Music
Irvine Arditti

Con il titolo Note al Presente la terza edizione di Forlì Open Music – organizzata dal Comune di Forlì, l’associazione Area Sismica e Elisabetta Righini – conferma la propria urgenza culturale di indagare linguaggi e suoni della musica d’oggi per capire e attrezzarsi per il domani. Lo fa con una edizione scintillante, un cartellone di notevole respiro internazionale, trasversale e aperto a progetti e proposte che vanno dalle avanguardie storiche, agli aspetti più innovativi e di ricerca.

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito e si svolgeranno nella suggestiva location della Chiesa San Giacomo. 

Il duo di pianoforti di due fuoriclasse assoluti – Enrico Pace e Igor Roma – aprirà la prima serata il della rassegna 13 ottobre alle 20.30 con un repertorio che spazierà da Claude Debussy a Gustav Holst. Li seguirà sul palco un vero mito della contemporaneità: Irvine Arditti. Fondatore del famoso quartetto d’archi che porta il suo nome, Arditti è riconosciuto come un’icona assoluta della musica del secondo Novecento. A Forlì suonerà in esclusiva assoluta un repertorio tutto da scoprire. La prima serata si chiuderà con i DKV (Ken Vandermark, Hamid Drake e Kent Kessler) ance, contrabbasso e batteria, un trio stellare che dilata i linguaggi del jazz nell’improvvisazione radicale e nello sviluppo delle poliritmie afroamericane. Elettrizzanti.

La giornata di sabato 14 alle 15 si aprirà con l’interessante vetrina Open Day riservata alle scuole musicali di Forlì (Istituto Masini e Liceo Musicale Statale). A seguire, alle 17.30, sul palco due personaggi inclassificabili che hanno conquistato i pubblici di tutto il mondo con le loro provocazioni sonore e multimediali: Kyriakides & Moor. Non faremo a tempo a riordinare le idee che sul palco si avvicenderà il leggendario trio australiano The Necks, che festeggia quest’anno trent'anni di attività. Partiti affascinati dalla classica forma del jazz piano trio – Chris Abrahams, Lloyd Swanton e Tony Buck – nel tempo i The Necks hanno creato un ambiente sonoro unico, originale e sofisticato, lontano dall’idea iniziale ma che li ha resi unici e amati dai pubblici più diversi.

Finale con il botto, si potrebbe dire, alle 19.15: Open Border è un progetto commissionato dalla rassegna (e quindi in prima mondiale) che vede un incontro spericolato tra ambiti contemporanei (Gianni Trovalusci e Luigi Ceccarelli) e due esponenti del jazz più avanzato (Hamid Drake e Ken Vandermark). Progetto che prova a forzare quel confine che ancora resiste tra musiche etichettate colte e l’improvvisazione più radicale. Ne vedremo e sentiremo delle belle: una rassegna unica per menti curiose e aperte.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

oltre

La compositrice islandese delle musiche di Joker Hildur Guðnadóttir è la quarta compositrice a vincere l'Oscar

oltre

Apre il 31 gennaio la nuova edizione di New Echoes, il festival veneziano dedicato alla "nuova musica svizzera"

oltre

Il festival dell'etichetta 19m40s al Santeria Social Club di Milano, con tre appuntamenti originali