Lugo cancella la stagione 

A causa di lavori chiude il Teatro Rossini e salta la programmazione, incluso il prossimo festival Purtimiro

News
classica
Il Teatro Rossini di Lugo
Il Teatro Rossini di Lugo

“Quest'anno la Fondazione Teatro Rossini, per ragioni indipendenti dalla volontà dei propri amministratori e dei propri operatori, non sarà in grado di realizzare né il Festival di musica barocca Purtimiro (che nell’autunno del 2018 era giunto alla sua terza edizione), né le diverse stagioni che si sono svolte finora con regolarità nel campo della prosa, della danza, della concertistica e del teatro ragazzi.” Con queste parole Domenico Randi, vicepresidente della Fondazione Teatro Rossini di Lugo di Romagna, ha annunciato la cancellazione della prossima stagione. 

Il motivo? I lavori di manutenzione straordinaria e di consolidamento sismico iniziati lo scorso 27 giugno, che trasformeranno il teatro in un cantiere fino al mese di ottobre 2020. Opere antisismiche a parte, i lavori in programma, per una spesa totale intorno ai 570 mila euro, prevedono anche migliorie agli apparati scenotecnici del piccolo palcoscenico e al comfort della storica sala. 

Come sottolinea nel suo comunicato Domenico Randi, “per la prima volta, da quarant’anni a questa parte, i tantissimi lughesi che amano il teatro saranno costretti a migrare in altre città” e chiarisce che si tratta di una situazione “senza precedenti” che “la Fondazione Teatro Rossini ha dovuto subire e che non ha potuto in alcun modo evitare. Nonostante ciò, sento il dovere di presentare le mie scuse alla città per questa inedita situazione, che l’assenza di locali di pubblico spettacolo sostitutivi rende ancora più incresciosa.” 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 29 novembre una recita in più della serata di balletto Balanchine/Kylián/Béjart con l'incasso devoluto al teatro veneziano

classica

il 30 novembre il Galà BalletSchoolStars

classica

Presentato il programma del festival del centenario che si apre il 18 luglio 2020 con il tradizionale Jedermann di Hugo von Hofmannstahl