L’opera degli schiavi a San Giorgio 

All’Auditorium Lo Squero il concerto conclusivo del Seminario di Musica Antica dedicato a “Music and Slavery” per ricordare Elisabeth-Alexandrine-Louise Ferrand, primadonna di colore a Port-au-Prince nel XVIII secolo

News
classica
L’Auditorium Lo Squero
L’Auditorium Lo Squero

L’Auditorium Lo Squero nell’Isola di San Giorgio a Venezia ospiterà il prossimo 22 febbraio il concerto conclusivo del Seminario di Musica Antica della Fondazione Giorgio Cini sul tema “Opera and Slavery” a cura del flautista e direttore argentino Pedro Memelsdorff, grande esperto di musica antica e già direttore della Schola Cantorum Basiliensis. «”Opera and Slavery” è un seminario sulla fugace e strabiliante carriera della prima cantante protagonista di colore della storia dell’opera, Elisabeth-Alexandrine-Louise Ferrand detta Minette, che debuttò quattordicenne all'opera di Port-au-Prince, nei Caraibi francesi, nel 1781. – spiega Memelsdorff – Nipote di schiavi, enfant prodige, ragazza-madre e artista a lungo non remunerata, Minette fu uno dei primissimi soprani di coloratura della sua generazione.» La sua fulminea carriera fra il 1781 e il 1789, oggi completamente dimenticata, all’epoca rivoluzionò tradizioni e lasciò tracce nella storia del teatro e della musica in America e in Europa. 

Nel concerto verranno eseguite arie e scene d’opera di Adolphe Blaise, Johann Paul Aegidius Martini, Egidio Duni e Nicolas Dalayrac nelle versioni per i teatri di Port-au-Prince, nella colonia franco-caraibica di Saint-Domingue. Protagonisti saranno le soprano Maya Kherani, Maria Lueiro e Lila Powell Khazoum, la mezzosoprano Belén Vaquero, l’haute-contre Javier Coronado e il basso Héctor dos Santos. La preparazione dei giovani interpreti è stata curata da Vivica Genaux, Lisandro Abadie e dallo stesso Memelsdorff. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La rassegna romana avvia la collaborazione con l'Accademia Chigiana

classica

 La Ricordi ha completato la pubblicazione delle opere liriche del compositore milanese (1876-1954)

classica

Bruxelles: presentata la prossima stagione nel segno delle nuove creazioni e del basso impatto ambientale