Le “mélodies” di Massenet per voce e orchestra in CD

Il Palazzetto Bru Zane presenta un CD con registrazioni in gran parte inedite affidate a grandi interpreti in anticipazione del festival dedicato alla produzione da camera del compositore francese a Venezia dal 1° ottobre

News
classica
La sessione di registrazione del cd dedicato a Massenet
La sessione di registrazione del cd dedicato a Massenet

Per il Palazzetto Bru Zane autunno è sinonimo di festival, che quest’anno sarà consacrato alla produzione da camera di Jules Massenet. Dal 1 al 28 ottobre nella sede veneziana del Palazzetto Bru Zane verrà presentata una rassegna di musiche del compositore francese e dei suoi eredi Chausson, Pierné e Hahn, fra gli altri.

Nato nel 1842 a Montaud, presso Saint-Étienne, Jules Massenet fu melodista raffinato e prolifico. Talvolta per lo “zuccheroso sentimentalismo” (la definizione è del baritono Pierre Bernac) fu definito il Puccini francese ma fu molto apprezzato anche dai contemporanei. “… La sua opera mi ha attirato per la sua rara bellezza formale, la sua semplicità, la freschezza delle idee e dello stile, come pure per la sua ricchezza di melodie e la distinzione dell'armonia” scrisse Čajkovskij in una lettera a un’amica. Di Massenet, tuttavia, oggi non si conoscono che l’opera Werther e forse Thaïs eManon, spesso messa in ombra nel nostro paese dalla più popolare Manon Lescaut di Puccini.

In linea con la propria missione di riscoprire e diffondere a livello internazionale il patrimonio musicale francese, specialmente quello meno noto o dimenticato, il Palazzetto Bru Zane offre un nuovo contributo a una maggiore conoscenza del catalogo massenetiano attraverso il nuovo CD “Songs with Orchestra” diffuso lo scorso giugno che raccoglie 23 “mélodies” con accompagnamento orchestrale oltre ai due brani orchestrali “Les Erynnes” e “Menuet d’amour”, tutti brani di rara esecuzione e pressoché inediti in disco come inedite erano le partiture.

 

Questo nuovo CD non è il primo che il Palazzetto Bru Zane dedica alla produzione musicale del compositore francese. Del 2012 sono le partecipazioni alla produzione del CD per l’etichetta MDG dedicato all’integrale della musica pianistica di Massenet eseguita da Stefan Irmer, e al quello per Timpani dedicato a una selezione di sue “mélodies” eseguite dal soprano Sabine Revault d'Allonnes con l’accompagnamento del violoncellista Matthieu Fontana e del pianista Samuel Jean. Al 2013, invece, risalgono le registrazioni di due opere poco note di Massenet, cioè Le Mage del 1891 con la direzione di Laurent Campellone e Thérèse del 1907 con la direzione di Alain Altinoglu entrambe disponibili nella preziosa collana di CD+libro “Opéra français”.

Il nuovo CD, registrato alla Salle des concerts de la Cité de la musique – Philharmonie de Paris fra il 17 e il 20 novembre 2020, presenta una serie di interpreti di primo piano, in gran parte sostenitori della poesia francese e della sua messa in musica, molti dei quali presenze frequenti nei programmi del Palazzetto Bru Zane. Si tratta di Jodie Devos, Chantal Santon, Nicole Car, Cyrille Dubois e Étienne Dupuis e Véronique Gens, interprete acclamata nel repertorio della “mélodie”, di cui è riconosciuta come una fra le maggiori specialiste. L’accompagnamento orchestrale è assicurato dall’Orchestre de Chambre de Paris sotto la direzione di Hervé Niquet, anche lui nome spesso presente nelle registrazioni e nei concerti promossi dal Centro di Musica Romantica Francese.

Come di consueto, il booklet che accompagna il CD contiene saggi di Jean-Christophe Branger, Alexandre Dratwicki e Hervé Oléon, oltre ai testi delle 23 “mélodies” con traduzione in inglese. “Songs with Orchestra” è disponibile anche in download e streaming sulle principali piattaforme digitali con libretto scaricabile online.

Maggiori informazioni su bru-zane.com

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il direttore si ferma per curarsi

classica

L’edizione annuale della rivista tedesca ha comunicato il meglio della stagione operistica scorsa secondo i voti di un panel di oltre 40 critici musicali europei

classica

Si apre con Boris Godunov di Musorgsky un cartellone che offre oltre 250 spettacoli tra opera, balletto e concerti