L’Africa a Bologna con Atlantico Festival

Il 22 e 23 settembre al TPO: uno sguardo diverso sulle musiche dell'Africa

News
world
Atlantico Festival

Intenso, stimolante e da non perdere è il programma di Atlantico Festival , rassegna che esplora l’eredità culturale del continente africano e della sua diaspora attraverso il cinema e la musica e che si terrà il 22 e 23 settembre a Bologna, presso il centro sociale TPO di Via Casarini.

Dichiaratamente lontano dalle banalizzazioni “world”, il festival –  che fa nel titolo specifico riferimento a quell’Oceano così significativo (nel bene e nel male) per  le vicende delle persone che dall’Africa si sono mosse o sono tornate – si muove con dinamiche da piattaforma tra concerti, proiezioni, incontri e interventi critici che vogliono dare visibilità anche a realtà meno pubblicizzate, riflettendo su esperienze come quelle del colonialismo e sugli attuali contesti di globalizzazione.

 Spazio quindi a linguaggi diversi, dalle sonorità più tradizionali dall’hip-hop, dall’afrobeat ai linguaggi caraibici, così come spazio, nella parte cinematografica, al contesto urbano londinese degli anni Novanta o alla condizione femminile. 

Tra le tante belle cose in programma (completo lo trovate qui) segnaliamo certamente i concerti di Ezra Collective, di Fawda o degli italiani Don Karate, il dj-set di Biga così come il film di Alain Gomis o il recente documentario Ouaga Girls di Theresa Traoré Dahlberg.

E ancora la presentazione del libro di Paul Steinbeck sull’Art Ensemble Of Chicago e molto altro, in un contesto produttivo indipendente e che nasce dal basso attraverso il crowdfunding e la tenacia degli organizzatori, Federico de Felice, Cristian Adamo e Katia Golovko.  

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

world

Inaugura alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma la Rete degli Archivi Sonori di Musiche di Tradizione Orale

world

Al via il concorso “Adotta un canto, scopri una tradizione”, dell'associazione Altrosud con Squilibri editore

world

La musica reggae è stata inclusa tra i Patrimoni immateriali dell'umanità dall'Unesco