La stagione lirica del Teatro delle Muse

Ad Ancona due nuove produzioni per la stagione 2018: Cenerentola e Un ballo in maschera

News
classica
Stagione lirica Teatro delle Muse Ancona
Francesca Lattuada

La stagione 2018 del Teatro delle Muse di Ancona propone due nuove produzioni: Un ballo in maschera di Verdi, che apre la stagione il 21 settembre, e Cenerentola di Rossini, il 12 ottobre. Entrambe le opere appartengono in modi diversi alla storia del teatro anconitano: Un ballo per essere uno dei titoli del repertorio di Franco Corelli, cui il teatro è dedicato, e anche una delle opere più rappresentate sul palcoscenico ottocentesco delle Muse. Fu poi rimessa in scena nel 2003, un anno dopo il restauro che permise la riapertura dell’edificio.  A quindici anni di distanza, viene riproposta ripristinando l’ambientazione originale della vicenda, che Somma aveva tratto da Gustave III ou Le Bal Masquè di Scribe: una vicenda dalla tinta “nordica” alla corte svedese di re Gustavo, come Verdi voleva, prima che la censura romana – e ancor più quella napoletana, che ne aveva impedito la rappresentazione al San Carlo – imponesse uno spostamento a Boston, presso il governatore britannico Riccardo.

Affidata alla direzione di Guillaume Tourniaire, l’opera si avvarrà  delle  scene e  costumi di Laura Hopkins e della regia di Pete Brooks, che  attraverso una serie di flashback colloca gli eventi nel periodo gravido di tensione subito  precedente la prima guerra mondiale.

Accanto ad Alberto Gazale, nel cast alcuni dei cantanti emergenti nel repertorio verdiano: Otar Jorjikia,  Anastasia Pirogova e Ana Petricevic nei ruoli principali.

Anche Cenerentola è uno dei titoli storici per Ancona, essendo stata rappresentata esattamente due secoli fa, nella stagione di carnevale del 1818, nell’antico teatro della Fenice, per poi arrivare alle  Muse  nel 1829. Torna per la prima volta nel nuovo Teatro, come contributo alle celebrazioni dei centocinquanta anni dalla morte dell’autore, in collaborazione con l’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” del Rossini Opera Festival.

L’ allestimento è firmato da un’artista italiana, Francesca Lattuada, mentre la direzione musicale  è affidata a Giuseppe Finzi. Nel cast Martiniana Antonie, Giorgia Paci, Adriana Di Paola, Pablo Ruiz, Pietro Adaini, Daniele Antonangeli, Francesco Auriemma.

Per entrambe le opere sarà impegnata l’Orchestra Sinfonica Rossini.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

A Laulasmaa apre il centro con l’archivio del compositore estone e spazi di incontro per studiosi e appassionati

classica

Il direttore greco assumerà la direzione artistica dal 2021 in sostituzione di Laurence Cummings 

classica

Il 28 ottobre un concerto al Teatro Sociale di Como per festeggiare l’importante ricorrenza