La Chamber Orchestra of Europe in residenza al Castello Esterházy

L’orchestra è stata scelta per una residenza triennale al Castello Esterházy di Eisenstadt a partire dal 2022

News
classica
Chamber Orchestra of Europe (Foto di Julia Wesely)
Chamber Orchestra of Europe (Foto di Julia Wesely)

La Chamber Orchestra of Europe (COE) sarà l’orchestra in residenza al Castello Esterházy di Eisenstadt in Austria a partire dal 2022 per tre anni. L’orchestra sarà tenuta a dare almeno quattro concerti l’anno nella Sala Haydn del castello nell’ambito del Festival Herbstgold e nella serie di concerti "classic.Esterhazy". La Chamber Orchestra of Europe prenderà il posto della Haydn Philharmonic, la cui residenza al Castello Esterházy dal 2016 si è protratta fino al 2019.

La presenza di una orchestra in residenza nel Castello Esterházy di Eisenstadt prosegue una storica tradizione della famiglia aristocratica degli Esterházy, che ha mantenuto una propria orchestra per un lungo periodo con maestri di cappella della statura di Joseph Haydn e Johann Nepomuk Hummel. In anni recenti l’antica residenza nobiliare si è trasformato in un luogo di incontri musicali e di scambio creativo tra artisti e pubblico.

La scelta della Chamber Orchestra of Europe, operata da un comitato internazionale di musicisti e manager della musica, è una testimonianza “dello spirito brillante e dell’anima musicale che hanno albergato immutati per secoli in questo luogo storicamente significativo dal punto di vista musicale” ha dichiarato Julian Rachlin, violinista e neodirettore artistico del Festival Herbstgold. Oltre ai concerti, i musicisti della Chamber Orchestra of Europe saranno coinvolti in progetti di musica da camera ed educativi. Come parte della residenza, inoltre, è prevista una cooperazione più stretta con il Conservatorio Joseph Haydn della cittadina austriaca.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Puccini Academy è il laboratorio formativo della Fondazione Festival Pucciniano per giovani musicisti

classica

Al termine del concerto dei Wiener le sgradevoli parole di Muti verso il direttore scaligero

classica

Dal 7 al 21 giugno a Parma l’edizione “zero” della nuova manifestazione promossa dalla fondazione Toscanini tra concerti, conferenze e un convegno, oltre a un concorso per giovani direttori