Ivan Della Mea (1940-2009)

È mancato il 14 giugno il cantante politico, fondatore del Nuovo Canzoniere Italiano

News
world
Per un malore improvviso è morto nella notte del 14 giugno Ivan Della Mea, cantante, scrittore e giornalista, vero baluardo della canzone politica; da poco aveva dato alle stampe con Ala Bianca la raccolta discografica Anthologia e per Jaca Book l'autobiografia Se la vita ti dà uno schiaffo.
Sulla scena dai primi anni '60, con Gianni Bosio è stato tra i fondatori del Nuovo Canzoniere Italiano ('62), movimento imprescindibile per la diffusione, la composizione e lo studio della canzone unita alla protesta e alla politica: una visione della musica, intesa come veicolo per messaggi importanti, che lo ha accompagnato per tutta la sua carriera. Lucchese di nascita e milanese di adozione, attraverso le collane dei Dischi del Sole e i Dischi dello Zodiaco ha pubblicato numerosi 33 giri densi di politica e di denuncia, tra cui Il rosso è diventato giallo, Ringhera e Fiaba grande. Le sue canzoni, tra cui la produzione in dialetto milanese ha visto spiccare "El me gatt", non sono state però l'unico mezzo atttraverso cui diffondere le proprie idee: ha scritto molto per Liberazione, Il Manifesto e L'Unità, e ha lavorato anche per il cinema collaborando ad alcune sceneggiature di successo, tra cui quella dello spaghetti-western Tepepa.
Numerosi i giovani cantautori che a lui garantiscono di ispirarsi, in virtù della capacità comunicativa e della abilità compositiva che Della Mea ha sempre coniugato nella sua guerra contro i potenti; in una intervista che aveva rilasciato recentemente al giornale della musica, Ivan dichiarava che «il potere ha paura dei sogni e di chi sogna perché il sogno è un territorio libero, l'eco dal margine che insinua il sentimento libertario e, poeticamente, "lo schianto redentore della dinamite"».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

world

Il gruppo pugliese ha vinto il premio come miglior gruppo agli "oscar" della world music

world

L'undicesima edizione si terrà dall'8 al 10 novembre a Cagliari

world

Il 22 e 23 settembre al TPO: uno sguardo diverso sulle musiche dell'Africa