Il duo Rava-Hersch porta il jazz a Morellino Classica

Il 24 luglio la tromba di Enrico Rava e il pianoforte di Fred Hersch protagonisti a Val Delle Rose di Grosseto

News
jazz
Enrico Rava
Enrico Rava

Speciale appuntamento quello previsto domenica 24 luglio (ore 19.00) con l’inedito duo formato da Enrico Rava alla tromba e da Fred Hersch al pianoforte, ospitati dalla cantina Val Delle Rose di Grosseto nell’ambito dell’edizione 2022 di Morellino Classica Festival. Un concerto che rappresenta un incontro tra due maestri del jazz, l'incrocio di due storie musicali di particolare rilevanza che finalmente si ritrovano unendo le loro esperienze in un dialogo dai risultati inaspettati e sorprendenti che promette di regalare grandi emozioni. Caratteristiche che emergono anche dal programma previsto, che miscela autori significativamente differenti per contesto storico ed estrazione stilistica come Tommy Dorsey, Burton Lane, Thelonious Monk, Bill Evans, Billy Joel e John Klenner, attraverso brani quali “I'm getting sentimental over you”, “Old devil moon”, “Epistrophy”, “Round midnight”, “Moon beams”, “And so it goes” e “Just friends”

Enrico Rava, recentemente premiato “Musicista Italiano dell’anno”, dal referendum indetto della prestigiosa rivista “Musica Jazz”, è tra i jazzisti del nostro Paese più conosciuti ed apprezzati a livello internazionale, un musicista senza tempo, passato attraverso le diverse stagioni della storia del jazz sempre da protagonista. La sua poetica immediatamente riconoscibile, la sonorità lirica e struggente sempre sorretta da una stupefacente freschezza d’ispirazione, risaltano fortemente in tutte le sue avventure musicali. Rava, oltre ad aver collaborato con i più grandi musicisti del jazz mondiale, da diversi anni svolge anche un fondamentale ruolo di talent scout, grazie al quale molti musicisti hanno potuto ottenere un adeguata attenzione e riconoscimento.

Fred Hersch
Fred Hersch

Fred Hersch è uno straordinario pianista, una forza creativa pervasivamente influente che ha plasmato il corso della musica per oltre trent'anni come improvvisatore, compositore, educatore, direttore di band, collaboratore e artista discografico. È stato definito come caratterizzato da “un'elegante forza di invenzione musicale” da The L.A. Times e tratteggiato come “una leggenda vivente” da The New Yorker. Con oltre tre dozzine di album al suo attivo come leader o co-leader, Hersch riceve costantemente elogi da parte della critica e numerosi riconoscimenti internazionali per ogni nuovo attesissimo progetto. Quattordici volte candidato al Grammy, Hersch ha regolarmente vinto i premi più prestigiosi del jazz, tra cui Doris Duke Artist nel 2016, Jazz Pianist Of The Year dal Jazz Journalists Association nel 2018, e il Prix Honorem de Jazz da L'Acádemie Charles Cros nel 2017 e nel 2018, il suo storico trio con con John Hébert edEric McPherson, è stato votato il # 2 Jazz Group nel sondaggio DownBeat Critics. JazzTimes ha acclamato il suo modo di suonare in "solo" come “una forma d'arte completa, autosufficiente, univocamente pura”, mentre All About Jazz ha osservato che “quando si parla di arte del piano solo in jazz, ci sono due classi di artisti: Fred Hersch e tutti gli altri”.

Per informazioni: www.morellinoclassicafestival.com.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

Il jazz accede ai finanziamenti ministeriali con cinque Centri di produzione musica su sette

jazz

Torna il 3 e 4 settembre all'Aquila (con anteprima itinerante) la grande festa del jazz italiano

jazz

Dal 22 al 31 luglio sbarcano a Fano Noa, Sons of Kemet, Fred Wesley, GoGo Penguin, Louis Cole, Nubya Garcia, Eivind Aarset, Sona Jobarteh e tanti altri