Germania: teatri chiusi per 18 mesi? L'ipotesi in un rapporto

Il Presidente dell’Accademia nazionale delle Scienze tedesca parla di 18 mesi di chiusura dei teatri, ma il rapporto dell’Accademia è più possibilista

News
classica
Gerald Haug
Gerald Haug

I teatri in Germania potrebbero restare chiusi per almeno 18 mesi. Questo almeno è l’opinione dei saggi della Leopoldina, l’Accademia nazionale della Scienze tedesca, espressa nelle pagine di un rapporto. Pubblicato lunedì scorso nel sito dell’Accademia, il rapporto descrive un percorso a tappe progressive per superare la crisi da coronavirus in modo sostenibile. Nel complesso, non si esclude che si possa tornare gradualmente a autorizzare eventi sociali, culturali e sportivi purché si possano assicurare condizioni spaziali tali da evitare contatti fra i partecipanti.

Se il rapporto si presta a interpretazioni e lascia margini di manovra ai governanti, il presidente dell’Accademia Gerald Haug è stato meno possibilista nell’intervista concessa al canale pubblico ARD, dichiarando che “sarebbe certamente consigliabile” mantenere chiusi stadi e sale di spettacolo ancora per un anno e mezzo nel peggiore degli scenari. Lo stesso Haug, tuttavia, ha ammesso che “bisogna ancora attendere, se [la chiusura] durerà un anno e mezzo” aggiungendo che “ci sono valutazioni anche più ottimistiche, ma ci vorranno parecchi mesi ancora.”

La Leopoldina è un’Accademia fra le più prestigiose in Germania e molto ascoltata dai politici, specialmente in tempi di elevata incertezza come quelli seguiti all’esplosione della pandemia. Nelle misure annunciate ieri dalla cancelliera Angela Merkel con i Presidenti dei 16 Stati della Federazione tedesca, tuttavia, sono stati ribaditi il divieto a grandi eventi (come le partite di calcio) almeno fino al prossimo 31 agosto e la chiusura di tutte le istituzioni culturali ma senza un orizzonte temporale preciso.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentata la stagione 2020-21 dell'Accademia di Santa Cecilia, che segue le linee consuete, con qualche interessante novità

classica

Anna Netrebko ha contratto il coronavirus durante alcune recite al Bolshoi di Mosca, Edita Gruberova ha cancellato il suo recital a Firenze

classica

Dopo la grave malattia che l’aveva costretta alla sospensione dalla direzione artistica del festival wagneriano, è stato annunciato il suo ritorno dal 21 settembre