Fuortes dà la sua disponibilità a proseguire il suo lavoro all’Opera di Roma

Il suo mandato di sovrintendente scadrebbe nel 2020 ma le sue dichiarazioni e quelle della sindaca Raggi lasciano immaginare un rinnovo dell’incarico

News
classica
Carlo Fuortes
Carlo Fuortes

Al termine di un incontro con la sindaca Virginia Raggi (e tramontata la sua candidatura come prossimo sovrintendente del Teatro alla Scala), il sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma Carlo Fuortes ha rilasciato una dichiarazione in cui conferma la sua “piena disponibilità a proseguire, anche dopo la scadenza dell’attuale mandato, il lavoro intrapreso negli ultimi sei anni, con l’obiettivo di favorire l’ulteriore crescita del Teatro”. E ha aggiunto che “questo percorso sarà ulteriormente arricchito dalla direzione musicale di Daniele Gatti che dalla prossima stagione salirà sul podio per tre titoli di opera ogni anno”. Inoltre Fuortes ha rivendicato “i grandissimi progressi in termini di valore artistico delle produzioni, di soddisfazione e crescita del pubblico, di reputazione nazionale e internazionale”: tutto ciò è innegabile, soprattutto per quel che riguarda l’aumento del pubblico (e degli incassi, nonostante i prezzi siano rimasti sostanzialmente stabili) che non è un’opinione ma un dato inoppugnabile. 

A stretto giro di posta la Raggi ha rilasciato a sua volta una dichiarazione in cui esprime la sua soddisfazione per la decisione di Fuortes di restare a Roma e afferma che il lavoro da lui compiuto sin qui merita di proseguire. Conclude augurando al sovrintendete Fuortes nuovi successi  e ringraziandolo per l’amore dimostrato alla città.

Resta da capire il motivo di queste dichiarazioni: è difficile credere che sia soltanto un cerimonioso minuetto ed è più probabile pensare che sostanzialmente sia stato già raggiunto un accordo, che però non può essere ufficializzato prima che sia stato compiuto il necessario iter amministrativo. Forse ne sarà data conferma nella conferenza stampa del prossimo 19 giugno, a cui rinviano in modo un po’ sibillino le ultime parole della comunicazione del sovrintendente? Per saperlo non resta che aspettare qualche giorno.

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Festival di Pasqua di Salisburgo, il sovrintendente designato Nikolaus Bachler rigetta i suoi piani e scoppia un conflitto di competenze

classica

Addio al pianista e didatta

classica

Il saggio “Troppo onore?” esamina le basi storiche, giuridiche e soprattutto politiche dei titoli onorifici concessi dalle Università tedesche e austriache, e non risparmia dettagli sul conferimento della laurea honoris causa al grande direttore austriaco