Enrico Dindo torna a suonare con l’Orchestra Rai

Il doppio concerto all’Auditorium Rai di Torino giovedì 1 febbraio, anche in live streaming, e venerdì 2 febbraio

News
classica
Enrico Dindo (foto Fulvia Farassino)
Enrico Dindo (foto Fulvia Farassino)

Enrico Dindo torna a esibirsi con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in occasione del concerto in programma giovedì 1 febbraio alle 20.30 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino – trasmesso anche in live streaming (questa la pagina per seguire la diretta) – e in replica venerdì 2 febbraio alle 20. Il concerto verrà anche registrato da Rai Radio3, che lo trasmetterà in differita.

Vincitore del Premio Rostropovič di Parigi nel 1997, Dindo è ospite regolare di orchestre internazionali e festival prestigiosi al fianco di direttori come Riccardo Chailly, Myung-whun Chung e Riccardo Muti.

Per il suo ritorno con l’Orchestra Rai propone il Concerto in do minore per violoncello e orchestra op. 43 scritto nel 1948 da Mieczyslaw Weinberg, presentato in questa occasione per la prima volta dall’OSN Rai a Torino. Si tratta in realtà di una versione più ampia, rielaborata nel 1956, del Concertino che il compositore scrisse dopo l’assassinio da parte del KGB del suocero, il celebre attore ebreo Solomon Mikhoels, per ordine di Stalin. La versione orchestrale, di carattere cupo e inquieto al pari di quella originaria, fu eseguita per la prima volta nel 1957 con la Filarmonica di Mosca diretta da Kirill Kondrašin e Mstislav Rostropovitch al violoncello.

Sul podio è presente il direttore lettone Andris Poga, che propone altre due prime esecuzioni Rai a Torino: D’un matin de printemps e D’un soir triste di Lili Boulanger. Scritti entrambi tra il 1917 e il 1918, i due brani sono fortemente evocativi e in netto contrasto tra loro, rappresentando diversi stati d’animo della compositrice francese. Il primo richiama sentimenti di speranza e ottimismo, mentre il secondo di angoscia e dolore. Boulanger morì pochi mesi dopo averli scritti, a soli 24 anni

In chiusura Poga propone la suite sinfonica dal balletto L’oiseau de feu di Igor Stravinskij, nella seconda versione che il compositore russo riorchestrò in Svizzera nel 1919, dopo quella preparata nel 1911, immediatamente a ridosso della prima parigina dei Ballets Russes di Djagilev.

I biglietti per il concerto sono in vendita online e presso la biglietteria dell’Auditorium Rai di Torino.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 22 febbraio in diretta su Radio3 e il 23 anche in live streaming, in programma il 1° Concerto per pianoforte di Brahms, solista Dmytro Choni

classica

Fino ad aprile i corsi offrono residenze artistiche di 5 giorni e a febbraio il webinar “Training Course for Quartets On Sustainable Events”

classica

Il 16 marzo la Casa di Riposo “Giuseppe Verdi” di Milano ospiterà la finale della II edizione del concorso indetto dal comitato AMUR