Daniele Squeo direttore musicale a Kaiserslautern 

Dalla prossima stagione il giovane direttore italiano sostituirà Uwe Sander 

News
classica
Daniele Squeo (Foto Felix Grünschloß)
Daniele Squeo (Foto Felix Grünschloß)

L’italiano Daniele Squeo sarà il nuovo direttore generale della musica del Pfalztheater di Kaiserslautern. A partire dalla prossima stagione il direttore d’orchestra italiano prenderà il posto di Uwe Sander che occupava l’incarico dal 2006. 

Nato nel 1985, Daniele Squeo si è diplomato in pianoforte al Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli. In seguito studiato direzione d’orchestra alla Hochschule fűr Musik “Franz Liszt” di Weimar e frequentato ha frequentato corsi di perfezionamento con Steven Sloane, Roger Norrington e Sylvain Cambreling. La sua esperienza di direttore d’orchestra si è sviluppata soprattutto in Germania, dirigendo fra l’altro l’Orchestra Sinfonica di Bochum, l’Orchestra Filarmonica di Essen, la Nuova Orchestra Filarmonica di Westfalia, l'Orchestra Filarmonica di Jena e l'Orchestra Sinfonica di Norimberga. La scorsa estate Squeo si è alternato con Enrique Mazzola sul podio del Rigoletto al Festival di Bregenz. Nel 2011 si è aggiudicato la XVIII edizione del concorso indetto dalla Fondazione Franco Capuana per Giovani Direttori d’Orchestra della Unione Europea a Spoleto, dove ha diretto La traviata al Teatro Lirico Sperimentale nel 2012. 

Dal 2014 Daniele Squeo ricopre l’incarico di primo Kappelmeister al Bdisches Staatstheater di Karlsruhe, dove viene promosso a primo Kappelmeister nel 2016. “Kaiserslautern ha fatto un’ottima scelta. Squeo è uno dei grandi talenti tra i giovani direttori d'orchestra”, ha commentato il sovrintendente del Badisches Staatstheater di Karlsruhe Peter Spuhler, “Sono sicuro che sentiremo ancora molto parlare di lui.” 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 24 gennaio sul podio dell'Orchestra del Conservatorio per l'Associazione Diamo il La

classica

La Fondazione Ernst von Stiftung ha voluto dare un riconoscimento alla violista tedesca per la sua integrità artistica oltre che per il suo impegno nella contemporanea e in campo didattico 

classica

La Detroit Symphony Orchestra ha scelto il suo prossimo direttore musicale che prenderà il posto di Leonard Slatkin