Cecilia a Siviglia

A Salisburgo presentato il programma del Festival di Pentecoste diretto da Cecilia Bartoli che sarà dedicato alle musiche ispirate alla città iberica

News
classica
Cecilia Bartoli
Cecilia Bartoli

Si dice siano 153 le opere ambientate a e nei dintorni di Siviglia. E Siviglia sarà al centro della programmazione decisa dalla direttrice artistica Cecilia Bartoli per il prossimo Festival di Pentecoste a Siviglia in programma dal 3 al 6 giugno. “Non so se sia stato un caso o meno, ma il mio ruolo di debutto come cantante d’opera professionista fu Rosina ne Il barbiere di Siviglia – dice la Bartoli – Rossini stesso doveva gran parte della sua fama a un uomo di Siviglia: il grande tenore Manuel del Pópulo Vicente García, che nacque in questa città nel 1775 ed eccelse in tante opere rossiniane durante la sua carriera. Fu grazie a Manuel García, e successivamente alle sue figlie Maria Malibran e Pauline Viardot, che la fortuna de Il barbiere di Siviglia cambiò così radicalmente, dal disastro della prima rappresentazione all'enorme fama di cui gode tuttora. Questa deliziosa opera è stata la pietra miliare della mia carriera internazionale, e sono così felice di tornarci - forse per l'ultima volta - insieme ad alcuni dei miei colleghi preferiti.”

Proprio Il barbiere di Siviglia sarà il pezzo forte del festival in un nuovo allestimento che debutta il 3 giugno (in replica il 5) alla Haus für Mozart con la regia di Rolando Villazón e la direzione musicale di Gianluca Capuano alla testa de Les Musiciens du Prince-Monaco. Accanto alla Bartoli come Rosina faranno parte del cast Edgardo Rocha come Conte d’Almaviva, Alessandro Corbelli come Figaro, Ildar Abdrazakov come Basilio e José Coca Loza come Fiorello. Nel variegato programma del festival figurano il recital “Iberia” del pianista Javier Perianes con musiche di Enrique Granados, Manuel De Falla e Isaac Albéniz (4 giugno), il concerto “La torre de oro” dell’Arpeggiata e Christina Pluhar con musiche barocche spagnole e sudamericane (4 giugno), una serata dedicata al flamenco sivigliano con María Pagés & Ensembles (5 giugno) e il concerto “El siglo de oro ” con musiche di Cristóbal De Morales e Francisco Guerrero eseguite da La Capella Reial de Catalunya e Hespèrion XXI diretti da Jordi Savall (6 giugno). Gran finale il 6 giugno con il concerto di gala “Carmencita & friends” che vedrà la presenza sul palcoscenico del Großes Festspielhaus di Maria Agresta, Rebeca Olvera, María Pagés, Piotr Beczała, Plácido Domingo, John Osborn, Rolando Villazón, Ildar Abdrazakov e la padrona di casa Cecilia Bartoli accompagnati da Les Musiciens du Prince-Monaco diretti da Gianluca Capuano in arie, duetti e ensemble da opere di Mozart, Rossini, Bizet e Verdi.

A complemento del programma musicale, la tradizionale rassegna cinematografica curata dal gruppo Das Kino con film di Pedro Almodóvar e Carlos Saura.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Dal 28 agosto torna il festival elbano con il ritorno di Martha Argerich e la "prima volta" di Mischa Maisky

classica

Ritorna dal 3 all’11 settembre la manifestazione promossa a Padova da Barco Teatro

classica

Il Festival dal 9 al 24 settembre