Beethoven e la musica del nostro tempo a Berlino

Programma ridimensionato e largamente autarchico per il Musikfest Berlin in programma nella capitale tedesca dal 25 agosto al 23 settembre

News
classica
La Philharmonie di Berlino
La Philharmonie di Berlino

Nonostante le restrizioni imposte dalle misure sanitarie, il Musikfest Berlin si farà fra il 25 agosto e 23 settembre, anche se in formato ridotto e facendo leva soprattutto sulle risorse musicali, comunque ingenti, della capitale tedesca. Cancellate le presenze di tutte le orchestre ospiti e tedesche non residenti a Berlino, il nucleo fondamentale della programmazione annunciata già nello scorso marzo rimane confermato con un confronto in scena alla Philharmonie fra Ludwig van Beethoven e alcuni fra i compositori più significativi del nostro tempo come Georges Aperghis, Milica Djordjević, Christian Jost, Wolfgang Rihm e Rebecca Saunders. Molte orchestre berlinesi – i Berliner Philharmoniker, la Deutsche Symphonie-Orchester Berlin, la Konzerthausorchester Berlin e la Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin – parteciperanno dirette dai rispettivi direttori principali eseguendo una o più sinfonia beethoveniana accanto a composizioni contemporanee o del repertorio del XX secolo.

Già dal 25 agosto il pianista Igor Levit aprirà nella sala grande della Philharmonie il ciclo dell’integrale in otto concerti delle 32 Sonateper pianofortedi Ludwig van Beethoven con il sostegno di BTHVN2020. Alla compositrice britannica Rebecca Saunders il festival dedicherà un ritratto attraverso 15 composizioni, alcune in prima assoluta, interpretate da Klangforum Wien e Neue Vocalsolisten Stuttgart, Ensemble Modern and Ensemble Musikfabrik oltre alla Karajan Academy dei Berliner Philharmoniker. In programma anche le musiche composte per il film “Moving Picture (946-3)” di Gerhard Richter e Corinna Belz interpretate dal trombettista Marco Blaauw in una serata di cinema e musica dal vivo allo Zoo Palast. Fra gli altri appuntamenti del cartellone, un concerto della Staatskapelle Berlin diretta da Daniel Barenboim nelle tre ultime sinfonie di Mozart (29 agosto) e le Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach interpretate da Nicolas Altstaedt. Finale il 23 settembre con un concerto da camera dedicato alle musiche di Wolfgang Rihm, fra cui la prima assoluta di Stabat Mater con il baritono Christian Gerhaher e la violista Tabea Zimmermann. Accanto agli eventi dal vivo, il Musikfest Berlin annuncerà un programma di appuntamenti in streaming fra qualche settimana.

 

Di alcuni degli appuntamenti inizialmente già previsti per l’edizione 2020 del Musikfest Berlin e cancellati a causa del coronavirus sono state già anticipate le date. In particolare, il concerto dell’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam si terrà il 31 agosto 2021, quello dell’Orchestre Révolutionnaire et Romantique e del Monteverdi Choir diretti da John Eliot Gardiner il 4 settembre 2021 e quella dell’Orchestra degli allievi del Festival di Lucerna il 9 settembre 2021. Rinviato al 30 agosto 2021 anche la prima assoluta del nuovo lavoro di Heiner Goebbels con l’Ensemble Modern Orchestra A House of Call. My imaginary Notebook, seguita da una tournée internazionale. Per l’Orchestra e Coro dell’Accademia di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano e Igor Levit solista occorrerà aspettare fino al 5 settembre 2022.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L'opera andrà in scena il 9 agosto al Teatro di Verdura diretta da Carlo Goldstein

classica

Dal 22 al 29 agosto a Città di Castello e altre località dell’alta valle del Tevere il Festival delle Nazioni 2020

classica

Dal 17 settembre a fine anno "Concerti d'autunno" con, tra gli altri, Luisi, Gatti, Mariotti