Al via la nuova edizione del Festival Bartolomeo Cristofori

Dal 14 al 26 settembre Padova "suona" giapponese

News
classica
Mao Fujita (Foto Dovile Sermokas-Sony Music Entertainment)
Mao Fujita (Foto Dovile Sermokas-Sony Music Entertainment)

Il Festival Bartolomeo Cristofori 2023 dal 14 al 26 settembre porterà a Padova e in zone limitrofe (l’anteprima si è tenuta a Rovigo, Conegliano e Abano Terme, oltre a “CristOFFori”, i fuori festival che si tengono nel corso dell’anno), alcuni pianiste e pianisti giapponesi di rilievo che, affianco ai grandi classici del repertorio, faranno ascoltare musica di compositori giapponesi dal ‘900 a oggi.

Novità di quest’edizione è l’artista in residenza: il prescelto è Mao Fujita, ventiquattro anni, medaglia d’argento al Concorso Tchaikovsky 2019, artista Sony. Per la prima volta a Padova, Mao Fujita sarà protagonista della serata inaugurale, al Teatro Verdi di Padova, giovedì 14 settembre con l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Wolfram Christ; sabato 16 lo vedrà impegnato in un concerto solistico nella Sala dei Giganti; giovedì 21, infine, sarà affiancato dal premiatissimo Quartetto Indaco nella Scuola della Carità.

Segnaliamo, tra i moltissimi appuntamenti della rassegna: venerdì 15 settembre il trio Keiko Shichijo, pianoforte storico, Nicolas Baldeyrou, clarinetto, Alessandro Andriani, violoncello (Scuola della Carità, Padova); domenica 17 settembre, il Progetto Petrarca, nella sezione “Bartolo Tour”, ad Arquà Petrarca, in programma una visita guidata (dalle 16,30) alla tomba del Poeta e un concerto-spettacolo con Chisato Taniguchi, pianoforte, commento dei Sonetti, Francesca Favaro, letture di Daniele Tessaro, compagnia teatrale Matricola Zero; venerdì 22 settembre la Japan National Orchestra nella Sala dei Giganti (Padova). Da non perdere i vari incontri del filone “Bartolo Talk” al Ristorante Caffè Letterario Treccani.

Sabato 23 settembre triplice appuntamento: da Uqido (20:45) “Come una stampa giapponese”, il duo pianistico Boidi insieme a Carlo Piu, illustratore; al Barco Teatro per la sezione “Bartolo Lounge” alle 22, serata jazz con Enrico Poletto al pianoforte e i cocktail del Blended Bar; alle 23, per “Bar Tolomeo – Cocktail di contemporanea” protagonista Roberta Pandolfi al pianoforte (in collaborazione con Taverna Maderna, Blended Bar).

Domenica 24 settembre, alle 11 (Sala dei Giganti) il Quartetto di Venezia propone un programma dedicato a Malipiero (nel cinquantenario della morte) e Casella; chiude martedì 26 settembre alle 20,45 (ancora nella Sala dei Giganti) Leonora Armellini al pianoforte, col terzo concerto dedicato all’integrale della musica di Chopin.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Chailly resta fino al 2026

classica

Giovedì 18 aprile all’Auditorium “Toscanini” di Torino il concerto in diretta su Rai Radio3 e in live streaming su Rai Cultura, replica venerdì 19 aprile

classica

A Firenze Turandot e Tosca