Addio a Paolo Donati

Muore a 78 anni Paolo Donati, musicologo e organizzatore culturale

News
classica
Paolo Donati
Paolo Donati

Paolo Donati si è spento all’età di settantotto anni in una clinica romana, dopo una breve malattia. Era figlio di Maria Caniglia, una delle più celebri cantanti liriche della sua epoca, e di Pino Donati, compositore nonché organizzatore musicale, prima come sovrintendente dell’Arena di Verona e del Teatro Comunale di Bologna, poi come direttore artistico del Lyric Opera di Chicago.

Paolo studiò a Roma, laureandosi in lettere, e a Pesaro, diplomandosi in direzione di coro. Dal 1975 al 1978 collaborò in qualità di produttore esecutivo degli allestimenti con il Lyric Opera di Chicago e con altri teatri americani, quindi entrò alla RCA Italiana e poco dopo alla RAI, dove si occupò prevalentemente di musica classica, dando un nuovo indirizzo alle trasmissioni musicali di Radio3, che fino ad allora si limitavano a proporre una serie di brani annunciati dalla voce neutra di un presentatore. Fondò trasmissioni come ”Pomeriggio musicale” e “La barcaccia” (quest’ultima va ancora in onda, a trent’anni dalla prima edizione, ed è la più longeva trasmissione della RAI), divenute un “cult” per gli appassionati. La musica vi veniva proposta da giovani conduttori, in maniera informale, spesso divertente e scherzosa, evitando accuratamente parole e termini tecnici incomprensibili ai più, ma sempre basandosi su una seria conoscenza della materia. Quanto a lui, preferiva rimanere nell’ombra e solo poche volte si è sentita direttamente la sua voce nel corso delle trasmissioni da lui ideate. Ancora oggi, nonostante i tanti anni trascorsi e i vari cambiamenti intervenuti, Rai Radio3 reca ben riconoscibile la sua impronta.

Andato in pensione, assunse la presidenza dell’Associazione Musicale InCanto di Terni e, dopo aver sempre rifiutato di apparire in primo piano, si lasciò convincere a curare la regia di alcuni spettacoli, in cui lasciò il suo segno sempre discreto ma acuto (Don Giovanni di Mozart nel 2007, La scala di seta di Rossini 2008, Così fan tutte di Mozart e Bach Haus di Dall’Ongaro 2010, L’occasione fa il ladro di Rossini 2011 e La cambiale di matrimonio di Rossini 2013). 

Nel 2003 ha scritto il libretto dell’opera Fashion, per la musica di Andrea Portera, su commissione dalla Scuola di Musica di Fiesole. Ha inoltre tradotto alcuni libri di argomento musicale e fatto parte del comitato di redazione della “Nuova Rivista Musicale Italiana”.

 

    

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Un’intervista al general manager dell’orchestra Jan Raes rinfocola le polemiche e i legali del direttore italiano annunciano azioni legali 

classica

Fra le registrazioni premiate anche il Bernstein sinfonico dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano 

classica

La scomparsa del "musicista costruttore"