Matana Roberts a Memphis

Memphis è il quarto capitolo della serie Coin Coin di Matana Roberts, per Constellation

Matana Roberts- Chapter four - Memphis
Matana Roberts (foto di M. Tarantelli)
Disco
jazz
Matana Roberts
Coin Coin Chapter Four: Memphis
Constellation
2019

Quarto capitolo della serie Coin Coin, ambizioso progetto della compositrice e sassofonista africano-americana Matana Roberts, un percorso stilisticamente eclettico che qui va a costruire una narrazione polifonica attorno alle vicende di una figura della storia familiare della musicista, la piccola Liddie, cresciuta nelle difficoltà della Memphis razzista.

Come spesso succede nella musica della Roberts, la voce (sia nel canto che nella declamazione) e gli strumenti sono elementi di un teatro sonoro stratificato e complesso, in cui vengono rielaborati e trasformati elementi molto eterogenei, alcuni significati dei quali rischiano anche di sfuggire a un ascolto poco attento (prendetevi quindi il vostro tempo).

Come una sorta di racconto/rito di avanguardia folk, questo Chapter Four: Memphis (che esce per Constellation) attraversa temperature differenti, arrivando a toccare in molti momenti un’intensità spirituale che trascende anche la mera comprensione della storia e dei materiali. L’identità africano-americana, quella femminile, la continua dialettica con la tradizione, sono affidate a una pluralità di voci che si stratificano in un magma ipnotico, che conferma l’originalità della musicista di Chicago, la sua capacità di scintillante figura mitopoietica in grado di plasmare l’atto compositivo seguendo le curve dell’intensità emotiva, tuffando le mani in una sorta di furia onirica in grado di sbriciolare l’asse dello scorrere del tempo.

Con lei in questo disco ci sono tra gli altri Hannah Marcus e Ryan Sawyer, il bassista Nicolas Caloia e l’originale chitarrista Sam Shalabi (che avrete forse apprezzato con I Land of Kush o nel progetto Dwarfs Of East Agouza), ma anche un jazzista di vaglia come il trombonista Steve Swell.  

Sinfonia dolente e a tratti rabbiosa, pervasa da una sorta di polvere blues continuamente sollevata per lasciare che ricada in nuove forme, questa nuova puntata del progetto di Matana Roberts è forte e convincente.

Richiede amore e attenzione, gran pregio. 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

L’ascensione dei Kokoroko

Nell’album di debutto Could We Be More l’ottetto londinese distilla afrobeat in emulsione jazz

Alberto Campo
jazz

Anteloper, delfini rosa jazz punk e psichedelia

Pink Dolphins conferma il talento del duo Anteloper

Ennio Bruno
jazz

Moor Mother e i codici del jazz

In Jazz Codes Moor Mother celebra la cultura afroamericana con ampiezza di vedute e profondità di linguaggio

Alberto Campo