PODCAST | Mingus 100. Guida per riconoscere i tuoi santi neri #3-4

Il podcast jazz Along Came Betty racconta la vita e la musica di Charles Mingus nell'anno del centenario

Mingus 100
Articolo
jazz

Il 22 aprile 2022 Charles Mingus compie 100 anni.

Per l'occasione Along Came Betty – il podcast jazz del giornale della musica a cura di Enrico Bettinello – presenta una serie di episodi dedicati alla vita e alla musica del grande musicista.

Ascolta i primi due episodi

Episodio 3: Blues e le radici

Nel terzo episodio andiamo alla scoperta del rapporto tra Charles Mingus e il blues.

La scaletta del terzo episodio

  • Charles Mingus - "Haitian Fight Song" da The Clown (Atlantic,1957)
  • Charles Mingus - "Moaning" da Blues & Roots (Atlantic, 1960)
  • Charles Mingus - "Wednesday Night Prayer Meeting" da Blues & Roots (Atlantic, 1960)  
  • Charles Mingus - "Ecclusiastics" da Oh Yeah (Atlantic, 1961)
  • Charles Mingus - "Folk Forms N. 1" da Charles Mingus Presents Charles Mingus (Candid, 1960)
  • Charles Mingus - "Goodbye Pork Pie Hat  da Mingus Ah Um (Columbia, 1959)

Episodio 4: Santi e peccatrici

Ma se dovessimo scegliere un solo disco di Mingus da portare nell'isola deserta? Il quarto episodio prova a rispondere a questo dilemma (ma ve ne suggerisce due... non vale!).

La scaletta del quarto episodio

  • Charles Mingus - "Jelly Roll"  da Mingus Ah Um (Columbia, 1959)
  • Charles Mingus - "Fables Of Faubus"  da Mingus Ah Um (Columbia, 1959)
  • Charles Mingus - "Solo Dancer" da The Black Saint And The Sinner Lady (Impulse!, 1963)  
  • Charles Mingus - "Duet Solo Dancers"  da The Black Saint And The Sinner Lady (Impulse!, 1963)  
  • Charles Mingus - "Group Dancers"  da The Black Saint And The Sinner Lady (Impulse!, 1963) 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Perché la morte di Jaimie Branch è qualcosa di più della semplice perdita di un’artista di talento

jazz

In un recente libro Marco Molendini ripercorre la vita di Pepito Pignatelli

jazz

Intervista con la contrabbassista Ilaria Capalbo, di base a Stoccolma