NOW’S THE TIME! Nicole Johänntgen

Alla scoperta della sassofonista e compositrice tedesca Nicole Johänntgen

johantgenn
Articolo
jazz

Now's the Time" è un progetto volto a valorizzare le giovani musiciste jazz e blues in Europa. ​​​Questo articolo – in origine per Jazz-fun – è pubblicato contemporaneamente su 8 riviste musicali europee. #Womentothefore #IWD2023.

nows the time

Nicole Johänntgen, sassofonista, compositrice e didatta tedesca, ha iniziato la sua carriera musicale all'età di sei anni con una formazione classica al pianoforte, e anni dopo ha trovato la strada del sassofono e del jazz.

All'età di 17 anni ha fondato la sua band del Saarland, Nicole Jo, che ha pubblicato sei album. Ha rapidamente ampliato i suoi orizzonti. Ha suonato in America con le Sisters in Jazz (2003). È stata membro della European Swinging Jazz Orchestra, della IASJ International Association of Jazz of Schools e dell'olandese Rembrandt Frerichs Project.

Uno dei suoi progetti attuali è Henry, un jazz ispirato a New Orleans con sonorità dell'Europa orientale. Henry è il suo progetto più attivo e attualmente è in tournée con esso.

Il nuovo album Henry III è stato registrato in analogico su nastro durante un concerto dal vivo al Domicil Pforzheim. Completamente alla vecchia maniera. La nostalgia affiora. Si sente quanto i musicisti siano familiari e desiderosi di suonare.

L'album è ancora più funky dei suoi due predecessori. Con melodie espressive e alcuni lanci percussivi c'è di nuovo molta energia. Le nuove composizioni invitano a ballare e cantare. Ma se si ascolta attentamente, si scopre anche il lato profondo e straziante di Henry, un lato che giace latente in tutti noi. In canzoni come "Dig Deep" o "Guetnachtlied" c'è così tanto spazio tra le melodie che si cade in uno stato crepuscolare. Uno stato in cui si inizia a pensare a cose che si trovano nel profondo di noi stessi. 

L'altro grande progetto di Nicole è il suo progetto solista.
Nel 2019, Nicole ha esplorato il sassofono da una prospettiva completamente nuova: quella del confronto tra spazio e suono.

Nel 2019 ha registrato il suo primo album da solista nella Andreaskirche di Zurigo. Tre anni dopo ha registrato un altro album da solista, Solo II. Per la sua seconda registrazione da solista ha scelto la Cappella di San Gottardo e ha incantato la chiesa con la musica del sassofono. La cappella si trova a 2100 metri di altitudine sulla cresta del famoso passo alpino – il passo del Gottardo. Con profondità e pace interiore, guidata e riempita dall'energia del passo, ogni frase assume peso e significato nel flusso respiratorio dell'esecuzione, sempre nuovo e diverso, come in uno scenario naturale.

L'esperienza frenetica del tempo rimane nella valle, così come viene vissuta da un escursionista che scala le montagne ora dopo ora. La cappella è minuscola, ma con un'acustica piena di riverberi che diventa essa stessa uno strumento musicale.

Un altro progetto è Robin. Si tratta di un progetto registrato a New York nel 2016, con il quale sarà in tournée a settembre.

Dice di Robin Nicole Johänntgen «Ho visto un tordo migratore pettirosso (American Robin in inglese) a New York e sono stata completamente sopraffatta. Ero sdraiata a Central Park, mi guardavo intorno e mi lasciavo ispirare dalla natura. E all'improvviso ecco questi uccellini. C'erano molti storni, ma soprattutto questi pettirossii. Li ho trovati così affascinanti perché erano così grandi. E il nostro pettirosso è così piccolo. In suo onore il disco si chiama Robin».

Nicole è anche la fondatrice di SOFIA.

SOFIA (Support Of Female Improvising Artists) è un programma internazionale per sostenere le musiciste jazz nell'improvvisazione musicale e nell'autogestione. Si ispira a un programma di mentoring americano chiamato Sisters in Jazz, creato per la formazione avanzata delle musiciste jazz. SOFIA ha una componente aggiuntiva: aiuta le giovani musiciste a migliorare il proprio profilo e sostiene il networking e l'autopromozione. SOFIA risponde alle sfide specifiche che le giovani artiste dell'improvvisazione si trovano ad affrontare oggi e si considera parte di una nuova tendenza a sostenere meglio le giovani musiciste (ad esempio Take Five Europe).

Grazie al suo orientamento indipendente, SOFIA è un progetto pionieristico che mira ad avere un impatto in un contesto internazionale.

Nicole Johänntgen è un'artista versatile ed estremamente attiva. Si esibisce quasi ininterrottamente e lavora instancabilmente a tutti i suoi progetti. Sostiene molte iniziative femminili. È stata sua l'idea e l'iniziativa di creare il JazzWomenNetwork nel 2022, un database per tutte le donne coinvolte nella musica jazz.

Nel 2023 Nicole Johänntgen è stata nominata per il German Jazz Award nella categoria fiati.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Intervista con la sassofonista italiana, attiva sulla scena newyorkese

jazz

Per la serie Giant Steps, andiamo alla scoperta della sassofonista polacca Matylda Gerber

jazz

Per il ciclo di articoli #Womentothefore #IWD2024, la diciannovenne contrabbassista spagnola Alejandra López