Le rotte transatlantiche di Carmen Souza

Nuovo lavoro per Carmen Souza con Theo Pascal, fra Capo Verde, il Brasile e New Orleans

Articolo
world

Carmen Souza (con Theo Pascal) Creology Galileo Music

Carmen Souza e Theo Pascal ci propongono la loro scienza della creazione, un emozionante percorso a base di rotte e narrazioni transatlantiche, alfabeti e dialoghi creoli, sugli intrecci che legano le composizioni sonore di Pascal e i versi sempre profondamente musicali di Souza.

Gli arrangiamenti di questo Creology mettono in evidenza soprattutto l’interplay fra l’ampia paletta di colori della voce di Carmen Souza e le percussioni suonate da Elias Kacomanolis, e da Theo e Zoe Pascal, chiedendo al piano e alla chitarra di Souza e al basso di Theo Pascal contributi parsimoniosi e, proprio per questo, sempre incisivi e caratterizzanti in modo diverso le dodici tracce.

Sono brani che rivelano un gruppo affiatato e capace di offrire una propria cifra artistica anche quando rilegge la tradizione, in particolare due composizioni di oltre cinquant’anni fa. La prima è la brasiliana “Upa Neguinho”, ad accendere un faro su Elis Regina e sulla penna di Edu Lobo; e, a seguire, quella “Pretty Eyes” di cui Horace Silver scrisse sia musica, sia versi, all’interno di un disco dedicato al padre capoverdiano, John Tavares Silva. Creology, come quell'illustre precedente, riparte – anche ritmicamente – dalla terra d’origine dei genitori di Carmen Souza per rivolgersi a tutta l’Africa lusofona, al Brasile, a Cuba e New Orleans.

Il settimo lavoro discografico di Souza regala la pulizia di suoni pensati, suonati, amalgamati con precisione, unita al senso di immediatezza che restituiscono le registrazioni dal vivo.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Il 14 settembre all'Auditorium Parco della Musica di Roma il gruppo di Gastone Pietrucci festeggia mezzo secolo di storia con un concerto speciale

world

Intervista a DJ Khalab (alias Raffaele Costantino) intorno al nuovo Black Noise 2084: elettronica e musica africana oggi

world

Dall'Italia alla Repubblica Ceca, il meglio dell'estate del folk e della world music