La Storia del Jazz in edicola: Il jazz in Italia - Il revival di New Orleans e il boom

In edicola dal 28 marzo con Corriere della Sera La Gazzetta dello Sport, il penultimo volume dedicato all'Italia della Storia del Jazz EDT, di Adriano Mazzoletti

Jazz in Italia - Mazzoletti- storia del jazz - edicola
Articolo
jazz

I volumi di Adriano Mazzoletti dedicati al jazz italiano rimangono a oggi un caposaldo nella storia culturale e musicale del nostro Paese: un lavoro documentario di portata monumentale, condotto per anni con passione e rigore. Pubblicato in origine da EDT in due volumi (Vol. 1: dalle origini alle grandi orchestre, 2004, e Vol. 2: dallo swing agli anni sessanta, 2010), il lavoro di Mazzoletti viene ora riproposto in sei volumi come parte della Storia del jazz, in edicola con Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport a 9.90€.

La collana La storia del jazz raccoglie, con un’uscita settimanale fino al 4 aprile 2019, i sei libri di Gunther Schuller dedicati allo sviluppo del jazz, e il lavoro di Adriano Mazzoletti sul jazz italiano, per un totale di dodici uscite.

Piano dell’opera

1. Gunther Schuller, Le origini – 17 gennaio

2. Gunther Schuller, Gli anni Venti – 24 gennaio 

3. Gunther Schuller, I grandi maestri – 31 gennaio 

4. Gunther Schuller, Le orchestre nere – 7 febbraio 

5. Gunther Schuller, I grandi solisti – 14 febbraio 

6. Gunther Schuller, Le orchestre bianche – 21 febbraio

7. Adriano Mazzoletti, Antenati e pionieri –  28 febbraio 

8. Adriano Mazzoletti, La nascita delle grandi orchestre – 7 marzo 

9. Adriano Mazzoletti, La guerra e la diffusione dello swing – 14 marzo

10. Adriano Mazzoletti, Il dopoguerra, la provincia e il jazz liberato – 21 marzo

11. Adriano Mazzoletti, Il revival di New Orleans e il boom – 28 marzo

12. Adriano Mazzoletti, 8000 dischi di jazz italiano – 4 aprile

Mazzoletti jazz italiano EDT

Prosegue il racconto della grande avventura del jazz in Italia con il volume – il quinto della Storia del jazz italiano di Mazzoletti – dedicato al revival di New Orleans e al jazz del boom, in edicola dal 28 marzo 2019.

Si avvia verso la conclusione il vasto affresco dell’epopea del jazz in Italia dalle origini agli anni Sessanta congegnato da Adriano Mazzoletti. In questo penultimo volume si descrive nel dettaglio l’evoluzione di due importanti fenomeni a cui il pubblico del jazz assiste fra gli anni Cinquanta e i Sessanta, e cioè il cosiddetto “revival”, che riporta in auge il jazz delle origini attraverso la musica di complessi come la Roman New Orleans Jazz Band, la Milan College Jazz Society e personalità brillanti come Carlo Loffredo o Lino Patruno, e il definitivo boom del jazz, coincidente con il boom economico; in questo periodo fa la sua comparsa una nuova generazione di musicisti moderni e tecnicamente agguerriti, e il jazz conosce la sua definitiva consacrazione: l’ente radiotelevisivo di Stato, la RAI, bandisce la Coppa del jazz, persino il Teatro alla Scala ammette per la prima volta i suoni di una musica fino ad allora considerata inferiore.

È il periodo in cui, accanto a musicisti già famosi come Gianno Basso e Oscar Valdambrini, si assiste all’affermazione di maestri come Dino Piana, Franco Cerri, Renato Sellani o Enrico Intra. L’Italia sta attraversando una profonda trasformazione culturale, e le vicende del jazz ne sono una testimonianza lampante. Questo racconto affascinante e inedito è arricchito da una serie di documenti di eccezionale valore e di difficilissimo reperimento, fra cui gli scritti di Ezio Levi, Vittorio Mussolini, Franco Abbiati, la lista dei titoli di brani jazz tradotti in italiano per passare indenni dalla censura del fascismo, e molto altro.

Adriano Mazzoletti è nato a Genova. Giornalista, si occupa di jazz dal 1950. È stato dirigente Rai e conduttore e autore di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive di jazz, musica leggera e intrattenimento. Per trent’anni ha fatto parte della direzione dell’EUR (Unione Europea di Radiodiffusione) come vice-presidente e poi presidente del Dipartimento jazz, musica leggera ed etnica. Fin dagli anni Cinquanta ha svolto ricerche e raccolto documenti e testimonianze sul jazz europeo e italiano e sui musicisti italo-americani. Ha diretto la Grande enciclopedia del jazz in quattro volumi (1982), pubblicato un volume sul chitarrista italo-americano Eddie Lang (Stringin’ the blues, 1997), oltre al fotografico L’Italia del jazz (2012). Ha vinto numerosi premi per la sua attività di divulgatore e uomo di spettacolo. È stato direttore responsabile delle riviste “Blue jazz”, “Jazz”, “Jazz blues and around”. Dal 2000 è docente di Storia sociale del jazz e Storia del jazz italiano in diverse Università italiane, oltre che direttore artistico di vari festival del jazz.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Debutta il 24 maggio la residenza di Novara Jazz 2019, con il gruppo di Matteo Bortone esteso al tastierista Yannick Lestra: l'intervista

jazz

Dal 23 maggio al 9 giugno l'edizione 2019 di Novara Jazz, che prelude alla European Jazz Conference di settembre: l'intervista a Corrado Beldì

jazz

In occasione della sua esibizione al festival Jazz Is Dead! di Torino, ripercorriamo la carriera di uno dei maestri del jazz europeo