La Storia del Jazz in edicola: Il jazz in Italia - Antenati e pionieri

In edicola dal 28 febbraio con Corriere della Sera La Gazzetta dello Sport, il primo volume dedicato all'Italia della Storia del Jazz EDT, di Adriano Mazzoletti

Adriano Mazzoletti - Storia del jazz EDT in edicola - Italia
Articolo
jazz

I volumi di Adriano Mazzoletti dedicati al jazz italiano rimangono a oggi un caposaldo nella storia culturale e musicale del nostro Paese: un lavoro documentario di portata monumentale, condotto per anni con passione e rigore. Pubblicato in origine da EDT in due volumi (Vol. 1: dalle origini alle grandi orchestre, 2004, e Vol. 2: dallo swing agli anni sessanta, 2010), il lavoro di Mazzoletti viene ora riproposto in sei volumi come parte della Storia del jazz, in edicola con Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport a 9.90€.

La collana La storia del jazz raccoglie, con un’uscita settimanale fino al 4 aprile 2019, i sei libri di Gunther Schuller dedicati allo sviluppo del jazz, e il lavoro di Adriano Mazzoletti sul jazz italiano, per un totale di dodici uscite.

Piano dell’opera

1. Gunther Schuller, Le origini – 17 gennaio

2. Gunther Schuller, Gli anni Venti – 24 gennaio 

3. Gunther Schuller, I grandi maestri – 31 gennaio 

4. Gunther Schuller, Le orchestre nere – 7 febbraio 

5. Gunther Schuller, I grandi solisti – 14 febbraio 

6. Gunther Schuller, Le orchestre bianche – 21 febbraio

7. Adriano Mazzoletti, Antenati e pionieri –  28 febbraio 

8. Adriano Mazzoletti, La nascita delle grandi orchestre – 7 marzo 

9. Adriano Mazzoletti, La guerra e la diffusione dello swing – 14 marzo

10. Adriano Mazzoletti, Il dopoguerra, la provincia e il jazz liberato – 21 marzo

11. Adriano Mazzoletti, Il revival di New Orleans e il boom – 28 marzo

12. Adriano Mazzoletti, 8000 dischi di jazz italiano – 4 aprile

Mazzoletti storia del jazz

Con Antenati e pionieri si apre la seconda parte della Storia del jazz EDT, dedicata all'Italia: in edicola dal 28 febbraio, il volume di Mazzoletti racconta l'arrivo della nuova musica nel nostro Paese, tra futuristi e orchestre da ballo.

La Storia del jazz prosegue con il più grande sforzo storico e documentario mai concepito per raccontare gli uomini, i luoghi e le vicende dell’epopea italiana di questa musica. Da quel marzo 1904, quando un gruppo di cantanti e ballerini creoli, presentati come i “creatori del cake walk”, si esibirono al Teatro Eden di Milano, fino alle grandi orchestre degli anni Trenta. Il primo italiano a eseguire quella nuova musica fu un ragazzo di appena tredici anni, Vittorio Spina: con i musicisti americani iniziò a suonare per il ballo e furono proprio il fox trot, l’one-step e in seguito il charleston a determinare un epocale mutamento nel comportamento delle persone.

Questo volume racconta la nuova musica e le nuove sale da ballo, il Bal Tic Tac a Roma, il Trianon a Milano, la Sala Gay a Torino, che attirarono anche l’attenzione dei futuristi. Il Bal Tic Tac venne inaugurato da Filippo Tommaso Marinetti e decorato da Giacomo Balla, che con il disegno “La ballerina del Bal Tic Tac” ne interpretava l’ambiente. Cominciava così una meravigliosa avventura fatta di transatlantici, grammofoni, radiofonia, sale da ballo e soprattutto ritmo, fiumi di un ritmo travolgente. Con la puntigliosità e la passione di chi non vuole lasciare alcuna pagina di questa straordinaria e misconosciuta vicenda esposta agli oltraggi del tempo, Adriano Mazzoletti riversa qui decenni di studi e ricerche, per comporre un affresco di impressionante varietà e dettaglio. Il lavoro, rivisto e aggiornato da Marcello Piras, è integrato da Glossario e Discografia.

Adriano Mazzoletti è nato a Genova. Giornalista, si occupa di jazz dal 1950. È stato dirigente Rai e conduttore e autore di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive di jazz, musica leggera e intrattenimento. Per trent’anni ha fatto parte della direzione dell’EUR (Unione Europea di Radiodiffusione) come vice-presidente e poi presidente del Dipartimento jazz, musica leggera ed etnica. Fin dagli anni Cinquanta ha svolto ricerche e raccolto documenti e testimonianze sul jazz europeo e italiano e sui musicisti italo-americani. Ha diretto la Grande enciclopedia del jazz in quattro volumi (1982), pubblicato un volume sul chitarrista italo-americano Eddie Lang (Stringin’ the blues, 1997), oltre al fotografico L’Italia del jazz (2012). Ha vinto numerosi premi per la sua attività di divulgatore e uomo di spettacolo. È stato direttore responsabile delle riviste “Blue jazz”, “Jazz”, “Jazz blues and around”. Dal 2000 è docente di Storia sociale del jazz e Storia del jazz italiano in diverse Università italiane, oltre che direttore artistico di vari festival del jazz.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Dal 23 maggio al 9 giugno l'edizione 2019 di Novara Jazz, che prelude alla European Jazz Conference di settembre: l'intervista a Corrado Beldì

jazz

In occasione della sua esibizione al festival Jazz Is Dead! di Torino, ripercorriamo la carriera di uno dei maestri del jazz europeo

jazz

Una playlist dedicata al catalogo dell'etichetta portoghese Clean Feed, tra il meglio della scena avant-jazz europea