Il ritratto sonoro di Anversa protagonista del festival Laus Polyphoniae 2023

Podcast | Festival Laus Polyphoniae
Podcast | Festival Laus Polyphoniae
Articolo
classica

Nel suo libro Descrizione dei Paesi Bassi stampato nel 1566 il mercante Lodovico Gucciardini ritrasse i luoghi, la società e le attività di Anversa, dove si era stabilito dopo aver lasciato Firenze nel 1541.

La vita musicale della città delle Fiandre, porto fluviale e centro mercantile tra i più importanti d’Europa nel XVI secolo, era rinomata anche per le sue botteghe dove si stampavano libri di ogni genere, in particolare di musica, e dove si costruivano i migliori clavicembali del tempo. Nella sua splendida cattedrale risuonavano le celebri polifonie vocali dei maestri franco-fiamminghi, e nei palazzi e nelle strade si ascoltavano musiche di ogni genere, come lascia intendere Guicciardini in un passaggio della sua Descrizione: “Vedecisi poi a ogn’ora nozze, conviti, danze, sentesi per tutto suoni, canti e strepiti giocondi et insomma per tutti i versi e per tutte le vie apparisce la ricchezza, la potenza, la pompa e splendidezza della terra”.

Il Festival Laus Polyphoniae che si è svolto dal 18 al 27 agosto 2023 con il titolo “Antwerpen Townscape - Soundscape” ha rievocato attraverso i suoi numerosi concerti lo splendore artistico e la vivacità musicale dell’epoca d’oro della città.

Quasi tutti i gruppi che vi hanno partecipato hanno presentato programmi creati per questa importante edizione, attingendo dalle fonti delle antologie stampate ad Anversa da Phalése, Susato, Plantijin e altri le musiche vocali e strumentali che circolarono non soltanto nella città fiamminga ma anche nel resto dell’Europa continentale.

Nella città cosmopolita nella quale fiorirono i commerci e le arti la musica aveva un ruolo importante e i mercanti che la popolavano contribuirono a stimolare la produzione di chanson, messe, mottetti, sonate, danze e molto altro ancora. Il Festival diretto da Bart Demuyt e organizzato da AMUZ è riuscito a costruire un indimenticabile ritratto sonoro della Anversa rinascimentale, grazie alla partecipazione di numerosi ensemble. Alcuni di questi sono stati i protagonisti di una serie di undici podcast realizzati durante Laus Polyphoniae, di cui sette dedicati al tema del Festival, mentre i quattro iniziali riguardano la International Young’s Artists Presentation, la rassegna che fa parte della manifestazione ma prescinde dal suo filo conduttore. 

Ascolta le interviste nei podcast: Liane Sadler e Elias Conrad; Apollo's CabinetRubens RosaVestigium Ensemble, Raquel Andueza e Peter Van HeyghenScott Metcalfe, Blue HeronMario Sarrechia e Michael PyePaul O’DetteAdriaan De Koster con Utopia e Benjamien LyckePaul Van Nevel con Huelgas Ensemble e Antonio ChemottiLynda Sayce con CordophonyPhilippe Herreweghe con Collegium Vocale Gent e Walter Geerts.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Dal 10 aprile torna a Parma Traiettorie, la rassegna di musica moderna e contemporanea giunta alla sua 34a edizione

In collaborazione con Fondazione Prometeo
classica

Sua maestà l’organo della Chapelle Royale di Versailles

classica

Formazione da cineasta, lunga esperienza nella prosa, Jacopo Gassman ci parla del suo debutto bolognese alla regia del Macbeth di Verdi