Buddy Collette, 1921-2010

Flautista e sassofonista, Collette è stata una figura chiave del jazz della west coast

Articolo
jazz
A sentir dire che la West Coast era la regione del "jazz bianco" uno come Buddy Collette, essendo un gentiluomo, probabilmente si irritava un po'. Afroamericano, sassofonista e flautista, Collette si è spento lo scorso 19 settembre (era nato nel 1921) lasciandoci un'eredità che attende di essere profondamente rivalutata. Figura chiave del jazz californiano, Collette è stato un artista e un catalizzatore fondamentale nel jazz del dopoguerra: tra i primi a praticare il verbo del bop a Los Angeles, ha dato una spinta fondamentale alla carriera di Charles Mingus, di cui è stato amico d'infanzia (il padre di Collette ha un ruolo essenziale e esilarante nell'autobiografia di Mingus): non a caso Mingus lo volle con sé nelle storiche occasioni autobiografiche dei concerti alla Town Hall del 1963 e Monterey del 1964. Maestro e ispiratore di Eric Dolphy, mentore di James Newton, è stato uno dei più grandi flautisti del jazz moderno, dal suono ampio e leggero e dalla dizione nitida e impeccabile. Sax alto di vaga ispirazione hodgesiana, Collette è stato nel 1955 uno dei fondatori dello storico quintetto di Chico Hamilton, laboratorio delle idee più avanzate e eccentriche del periodo (compresa la libera improvvisazione). E quando l'attività jazzistica si spostò su New York, Collette rimase a Los Angeles, diventando uno dei più grandi didatti del suo tempo. Oltre a Dolphy e James Newton, suoi allievi sono stati Charles Lloyd, Frank Morgan, Sonny Criss. Stare a Los Angeles gli consentì anche di dedicarsi alla battaglia di una vita: la lotta contro la segregazione (e la mentalità segregazionista) nel mondo musicale californiano, vinta infine con l'unificazione del sindacato losangelino per bianchi e neri. Così oltre ai dischi (tra cui una tornata di registrazione italiane nella primavera del 1961), agli allievi, alla stima per uomo pacato e alla bella autobiografia sonora registrata su cd qualche anno fa, ci rimane durevole - e poco conosciuto - l'esempio civico e sociale di un musicista impareggiabile.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Le novità jazz del mese da ascoltare in una playlist esclusiva

jazz

Esce per CAMJazz il debutto di Pipe Dream, il progetto di Zeno De Rossi, Filippo Vignato, Pasquale Mirra, Giorgio Pacorig e Hank Roberts: l'intervista

jazz

La morte della regina del soul a 76 anni, dopo una lunga malattia: la sua storia in 10 brani