Un Comitato per Spontini

Il Comitato è presieduto da Emilio Sala

News
classica
Gaspare Spontini
Gaspare Spontini

Nasce in seno alla Fondazione Pergolesi Spontini il Comitato Operativo Spontiniano dedicato alla valorizzazione dell’opera di Gaspare Spontini, il compositore di origine marchigiana di cui si celebrerà nel 2024 il 250 ° anniversario della nascita, avvenuta il 14 novembre 1774 a Maiolati Spontini. Ed è proprio guardando alle Celebrazioni spontiniane che Fondazione e Comune di Maiolati hanno collaborato nell’indicare i componenti del nuovo Comitato: musicologi, esperti dell’opera spontiniana, compositori, studiosi provenienti da diversi percorsi. La prima riunione del Comitato si è tenuta il 21 novembre, alla presenza del Sindaco di Maiolati, Tiziano Consoli, dell’Assessore alla Cultura Tiziana Tobaldi, e, per la Fondazione Pergolesi Spontini, del Direttore Generale Lucia Chiatti e del Direttore Artistico Cristian Carrara.

Obiettivo del nuovo organismo sarà non solo quello di revisionare i lavori ancora inediti del Compositore (alcuni dei quali ritrovati recentemente in Belgio), con un approccio scientifico e filologico alle partiture, ma anche promuovere la sua opera verso un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo, attraverso linguaggi artistici multidisciplinari, iniziative indirizzate ai giovani, connessioni alla musica d’oggi. Dunque, un approccio di grande rigore ma al tempo stesso non ‘cattedratico’, aperto al dialogo con il territorio.

Presiede il Comitato il Prof. Emilio Sala, ne fanno parte inoltre: il compositore Cristian Carrara, direttore artistico della Fondazione Pergolesi Spontini e coordinatore artistico dell’Orchestra della Toscana; Federico Agostinelli, tra i massimi esperti in fatto di edizioni critiche spontiniane (tra cui le recenti edizioni de “Le metamorfosi di Pasquale” e di “Fernand Cortez” per le edizioni Fondazione Pergolesi Spontini); Federico Gon, Padre Armando Pierucci.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Si torna a parlare di un progetto di monumento al compositore nella sua città natale sviluppato degli anni ’30 del secolo scorso e mai realizzato

classica

Per l’italiano è una conferma, per il russo un nuovo incarico, che lo porta a succedere a Jurowski

classica

Uno studio commissionato dal Konzerthaus di Dortmund dimostra che il rischio di contagio nelle sale da concerto è basso se gli impianti di ventilazione sono adeguati