Torino Jazz Festival 2019, il programma completo

Torna dal 26 aprile al 4 maggio il TJF, diretto da Giorgio Li Calzi e Diego Borotti

News
jazz
Torino Jazz Festival 2019

Torna il Torino Jazz Festival, che ribadisce per il 2019 la “nuova” formula della gestione Appendino, con la direzione artistica di Giorgio Li Calzi (quest’anno affiancato ufficialmente da Diego Borotti): 9 giorni (dal 26 aprile al 4 maggio), 82 concerti di cui 70 gratuiti e molte altre cose in giro per Torino. Piatto forte – come l'anno scorso – i concerti alle OGR - Officine Grandi Riparazioni di Corso Castelfidardo, con alcune belle sortite al Conservatorio Verdi e al Piccolo Regio.

Jazz, musicisti e politiche culturali: il TJF di Giorgio Li Calzi

E veniamo ai nomi: il Torino Jazz Festival conferma la sua vocazione "local" ("Prima i torinesi", si potrebbe dire con una battuta) negli appuntamenti di contorno e in alcune produzioni originali. Il che nulla toglie, comunque, al taglio "trasversale" e originale della direzione artistica. (Trasversale rispetto al "jazz" più comunemente inteso – anche se l'anno scorso si fa ricordare, forse, per alcune scelte più coraggiose).

In ogni caso, i nomi "da cartellone" sono molti, e intriganti: fra gli altri Joshua RedmanFred Frith, Enrico Pieranunzi, Jon Balke (con l'orchestra d'archi del Conservatorio), Randy Brecker con Chad Lefkowitz-Brown e il trio di Fabio GiachinoBugge WesseltoftKyle Eastwood, Stefano Di Battista, Eivind Aarset, John Paul Jones con il suo trio Tres Coyotes in prima italiana, Michel Portal con Flavio BoltroErnst ReijsegerJim BlackSidsel Endresen, Deborah Carter, Don Menza, Han Bennink con Icp TrioGavin Bryars EnsembleEnrico Rava...

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

La morte a 88 anni di uno dei padri della bossa nova, la voce (e la chitarra) di "Desafinado" e "Chega de Saudade"