“Musiciste e Muse” a Parma

Parte oggi la sesta edizione della rassegna “I Concerti del Boito”, trentasette appuntamenti con la musica interpretata dai docenti e dai migliori allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”

News
classica
Sofia Gubaidulina
Sofia Gubaidulina

Le donne in musica, non solo in veste di muse ispiratrici ma in quella di artiste, compositrici, creatrici. “Musiciste e Muse” è il sottotitolo della sesta edizione de “I Concerti del Boito”, stagione concertistica organizzata dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma che, dal 15 gennaio al 9 luglio 2019, propone trentasette concerti a ingresso libero.

Il filo conduttore che lega tutti gli appuntamenti nasce da una doppia ricorrenza: nel 2019 si celebrano infatti il bicentenario della nascita di Clara Wieck, moglie di Robert Schumann, apprezzata pianista e compositrice, e i quattrocento anni dalla nascita di Barbara Strozzi, compositrice e soprano, esponente musicale di rilievo nell’Italia del Seicento. Accanto alle loro creazioni, la stagione darà la possibilità di ascoltare brani creati anche da tantissime altre donne della storia della musica, partendo dall’epoca barocca con Isabella Leonarda, attraverso il romanticismo di Fanny Mendelssohn, i Lieder di Alma Schindler-Mahler, per arrivare sino alla compositrice russa vivente Sofia Gubaidulina. Non mancheranno poi concerti dedicati a compositori di tutte le epoche, da Bach a Mozart, da Chopin a Piazzolla, da Giuseppe Verdi a Cole Porter.

“I Concerti del Boito” sono inseriti nel programma di Attività di formazione permanente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinato dal prof. Pierluigi Puglisi. Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito. Per informazioni: www.conservatorio.pr.it.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica
A.M.A.M.I. dedica una rassegna alla Milano dei Visconti
classica

Succede ad Antonio Magnocavallo, scomparso il 26 gennaio scorso, alla direzione dell'ente milanese

classica

La rassegna romana avvia la collaborazione con l'Accademia Chigiana