Le stagioni di Vienna

Sono stati recentemente presentati i programmi delle prossime stagioni delle istituzioni operistiche viennesi

News
classica
Sono stati recentemente presentati i programmi delle prossime stagioni delle istituzioni operistiche viennesi. La Volksoper, dopo la seconda stagione diretta da Robert Meyer, ha comunicato un incremento di pubblico ed entrate. Per il prossimo cartellone avrà in programma sei nuovi allestimenti, tra cui tre operette (Der Vogelhändler di Carl Zeller, Häuptling Abendwind di Jacques Offenbach nella versione in dialetto viennese di Johann Nestroy e Die Blume von Hawaii di Paul Abraham) e due opere (Rigoletto, Il ratto dal serraglio). Oltre all'esecuzione concertante del musical South Pacific di Richard Charles Rodgers (con un cast d'eccezione formato dai cantanti Rebecca Nelsen, Ferruccio Furlanetto, Marjana Lipovsek e Alexander Pinderak) andrà infine in scena la prima esecuzione assoluta di Antonia und der Reißteufel, una "pop-opera" per bambini e adulti di Christian Kolonovits. Anche la Staatsoper offrirà al suo pubblico due prime esecuzioni assolute: Medea di Aribert Reimann (dirige Michael Boder, regia di Marco Arturo Marelli) e Pünktchen und Anton di Ivan Eröd. Sarà questa l'ultima stagione della sovrintendenza Holender, e poi il timone passerà a Dominique Mayer. Oltre a tre cicli del Ring di Wagner, nella stagione 2009-2010, il futuro direttore musicale dell'Opera di stato viennese Franz Welser-Möst dirigerà un nuovo allestimento di Tannhäuser (regia Claus Guth). Per la prima volta nella sua storia, poi, la Staatsoper allestirà Lady Macbeth di Schostakowitsch (Regia di Matthias Hartmann, dirige Kirill Petrenko). Infine, ci sarà una nuova produzione di Macbeth di Verdi (Daniele Gatti/Vera Nemirova, cantano Simon Keenlyside e Erika Sunnegardh). Tra le opere in repertorio, vanno inoltre segnalate riprese di Tristan und Isolde di Wagner nella direzione di Simon Rattle (cantano Robert Gambill e Violeta Urmana), Manon di Massenet (Diana Damrau e Ramón Vargas gli interpreti principali) e una Carmen diretta da Mariss Janson, con Elina Garanca, Rolando Villazón, Anna Netrebko e Ildebrando D'Arcangelo nelle parti principali. Il Theater an der Wien continuerà con il suo sistema stagionale e con la formula di una prima al mese. Anche l'an der Wien nel 2009-2010 presenterà una prima assoluta, Die Besessenen di Johannes Kalitzke. L'idea è quella di commisionare un'opera all'anno, così ha spiegato il sovrintendente dell'istituzione Roland Geyer. La stagione si aprirà con Death in Venice di Britten (Donald Runnicles/Ramin Gray). Seguiranno Tancredi di Rossini (René Jacobs/Stephen Lawless), Prinz von Homburg di Henze (Marc Albrecht/Christof Loy), Il mondo della luna di Haydn (Harnoncourt/Moretti), L'incoronazione di Poppea di Monteverdi (Hengelbrock/Carsen). La stagione si chiuderà con Iphigénie en Tauride di Gluck (Harry Bicket/Thomas Fischer) e con il Freischütz di Webern. Quest'ultima produzione verrà messa in scena da Stefan Ruzowitzky, regista austriaco vincitore dell'oscar con "il falsario" e al suo primo lavoro operistico. Oltre a sette opere concertanti (Händel, Haydn, Vivaldi e Offenbach) arrichiranno il cartellone due progetti di danza (John Neumeier e Anne Teresa De Keersmaeker/Jérome Bel). Se a tutto ciò si aggiungeranno le produzioni del circuito off (Neue Oper, Kammeroper, Oper unterwegs, Taschenoper, Sirene Operntheater) il 2009-2010 operistico viennese si preannuncia ricco e interessante. Maggiori informazioni: www.staatsoper.at, www.volksoper.at, www.theateranderwien.at, www.neueoper.at, www.kammeroper,at, www.sirene.at, www.oper-unterwegs.at, www.tascenoper.at. (Juri Giannini)

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L'opera andrà in scena il 9 agosto al Teatro di Verdura diretta da Carlo Goldstein

classica

Dopo il preludio di agosto, la stagione proseguirà a settembre con opere di Scarlatti, Pergolesi e Gnecco e si concluderà col Rigoletto

classica

Dal 22 al 29 agosto a Città di Castello e altre località dell’alta valle del Tevere il Festival delle Nazioni 2020