La Medaglia di Sant’Olav a Luca Vitali

Un riconoscimento dal Re di Norvegia per "l'eccellente lavoro svolto per promuovere la musica jazz e contemporanea norvegese"

News
jazz
Luca Vitali
Foto di Adriano Bellucci

In Italia Luca Vitali è noto come esperto di jazz nordico e norvegese in particolare, sui cui ha scritto un fortunato libro (Il suono del nord, Auditorium, anche tradotto in inglese), e che ha contribuito a far conoscere grazie alla collaborazione con diverse rassegne (ad esempio, Angelica).

Il 28 novembre, a Vitali è stata conferita la Medaglia di Sant’Olav da Sua Altezza Re Harald V di Norvegia, in virtù dell'"eccellente lavoro svolto per promuovere la musica jazz e contemporanea norvegese in Italia e nel mondo" . Alla cerimonia erano presenti anche Sverre Lunde, del Ministero degli Affari Esteri norvegese, e Aslak Oppebøen di Music Norway.

La medaglia di St. Olav è stata fondata dal re Haakon VII il 17 marzo 1939. Viene conferita come "una ricompensa per i servizi nel far progredire la conoscenza della Norvegia all'estero e per rafforzare i legami tra i norvegesi espatriati e i loro discendenti e il loro paese di residenza". Sia i cittadini norvegesi che quelli stranieri hanno diritto a ricevere la medaglia di St. Olav. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La Lega contro la partecipazione di Gilad Atzmon al Torino Jazz Festival

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

Torna dal 26 aprile al 4 maggio il TJF, diretto da Giorgio Li Calzi e Diego Borotti