I Solisti della Scala per Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale

Il 23 aprile al Teatro Bonci di Cesena i Solisti della Scala presentano musiche di Mozart e Schumann e una prima assoluta di Braconi

News in collaborazione con  Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale
News
classica
Solisti Scala
Solisti Scala

Martedì 23 aprile (ore 20.30) al Teatro Bonci di Cesena i Solisti della Scala – ensemble formato da Simonide Braconi alla viola, Fabrizio Meloni al clarinetto e Andrea Rebaudengo al pianoforte – presentano un concerto di musica da camera che prevede due pagine di Wolfgang Amadeus Mozart e Robert Schumann oltre alla prima esecuzione assoluta di un brano scritto per questa occasione dallo stesso Braconi, oltre che violista considerato anche tra i più interessanti compositori della sua generazione.

Ad interpretare questo programma tre solisti conosciuti nell’ambito della scena musicale italiana e internazionale: Braconi è prima viola del Teatro alla Scala, Fabrizio Meloni primo clarinetto dell’orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala e Andrea Rebaudengo storico pianista dell’ensemble Sentieri Selvaggi.

L’impaginato della serata, oltre a comprendere il Trio dei birilli K 49 di Mozart e Marchenerzahlungen op. 132 per clarinetto, viola e pianoforte di Schumann, propone quindi la prima esecuzione assoluta di ESTR(i)O per clarinetto, viola e pianoforte di Simonide Braconi. Lo stesso autore annota come «il titolo, con un sottile gioco di parole, intende unire le parole “trio” (clarinetto, viola e pianoforte) e la parola “Estro”, cioè immaginazione. In effetti, caratteristica dominante è quella di voler fondere ad una forma musicale fortemente classica un linguaggio musicale novecentesco; tentativo sicuramente non nuovo, si pensi ad esempio a Stravinskij o Hindemith (la cui ispirazione è piuttosto evidente in questo brano). La prima parte contrappone ad un inizio drammatico un secondo tema più dolce ed è caratterizzata da una forte espressività. Senza soluzione di continuità comincia la seconda parte, una fuga, il cui soggetto, incisivo e ritmico contraddistingue con grande virtuosismo ritmico e strumentale l’intero movimento che si conclude in una trascinante coda finale».

 

Per informazioni cesena.emiliaromagnateatro.com

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il manager culturale aveva 84 anni

classica

Undici concerti distribuiti in quattro weekend nel Forum Fondazione Bertarelli

classica

Per il prossimo “Flauto magico” assegnati sei su dieci ruoli in concorso ma non si trovano i candidati per Papageno, Sarastro, Monostatos e Regina della Notte