I Concerti del Quirinale: l’OPV in diretta RAI per il Giorno del Ricordo

Con una doppia diretta RAI, l’Orchestra di Padova e del Veneto celebrerà il Giorno del Ricordo al Concerto del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

News
classica
Il presidente Mattarella e il maestro Angius
Il presidente Mattarella e il maestro Angius

Domenica 9 febbraio alle ore 11.55, l’Orchestra di Padova e del Veneto si esibirà all’interno del cartellone de “I Concerti del Quirinale” alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Trasmesso in diretta su Rai3 e Radio3 Rai, l’evento avvierà la celebrazione del Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.

Per l’occasione, l’OPV presenterà Tartiniana Seconda di Luigi Dallapiccola, brano con cui il compositore istriano rese omaggio nel 1956 al conterraneo Tartini, di cui Padova ricorda quest’anno i 250 anni della morte. A seguire, verranno eseguiti il Preludio e l’Intermezzo dalla cantata L’urlo dall’abisso di Luigi Donorà, altro autore istriano e allievo di Dallapiccola che nel 1996 dedicò quest’opera alle vittime delle Foibe, e i Folk Songs che nel 1964 Luciano Berio elaborò a partire dai canti popolari di diversi Paesi.

Guidata dal suo Direttore musicale e artistico Marco Angius, all’Orchestra di Padova e del Veneto si uniranno Lorenzo Gentili Tedeschi in qualità di violino solista, il mezzosoprano Cristina Zavalloni, e l’attrice Manuela Kustermann, mentre la regia televisiva è curata da Carlo Gallucci. 

Classe 1935, il compositore Luigi Donorà ha più volte ricordato come la mattina del 9 dicembre del 1948 fu costretto a lasciare Dignano d’Istria insieme alla sua famiglia. Una vera e propria emigrazione forzata, imposta dall’Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia guidata dal maresciallo Tito, alla maggioranza dei cittadini di etnia e lingua italiana della Venezia Giulia, del Quarnaro e della Dalmazia, a seguito del massacro delle foibe, come reazione all’italianizzazione forzata e alla repressione delle popolazioni slave locali perpetrata dal regime fascista.

Luigi Donorà fu anche allievo di Luigi Dallapiccola, così come il giovane Luciano Berio che nel 1952 seguì i suoi corsi a Tanglewood, negli Stati Uniti. Per i due musicisti, l’incontro con Dallapiccola rappresentò un passo fondamentale al raggiungimento di un linguaggio originale.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Musicians’ Union lancia una petizione online indirizzata al primo ministro Boris Johnson perché venga garantita la libertà di movimenti verso la UE 

classica

Presentazione del successo del progetto EuropaInCanto, ma preoccupazioni per i tagli al programma
Europa Creativa nel nuovo budget settennale dell’Unione in discussione in queste ore a Bruxelles

classica

Chiusi per precauzione i teatri lombardi e di Milano per il Corona virus