Grandi nomi al San Carlo

Napoli: presentata la nuova stagione

News
classica
Juraj Valčuha alla conferenza stampa
Juraj Valčuha alla conferenza stampa

Non v'è dubbio che il teatro San Carlo di Napoli è ormai in crescente relazione con la sua città. Un attaccamento fiero, di radici antiche, contraddistingue questo legame che caratterizza buona parte della prossima stagione sinfonica e operistica 2019-2020. Il presente, tra i tanti: Riccardo Muti (sia con la Chicago Symphony Orchestra che con l’Orchestra del San Carlo), Roberto Cominati, Mariano Bauduin; così come la storia: Domenico Cimarosa (Il Maestro di Cappella), Giovanni Paisiello (La Serva Padrona), Gioacchino Rossini (Maometto II). Nel foyer felicemente affollato non solo dalla stampa, ma anche da quel pubblico fedele e carico di aspettative, il direttore artistico Paolo Pinamonti insieme al sovrintendete Rosanna Purchia, il direttore musicale Juraj Valčuha, e le cariche istituzionali Vincenzo De Luca e Luigi De Magistris, hanno presentato la produzione artistica del San Carlo mai come adesso volta verso prospettive di prestigio internazionale, grazie, come ci si augurva, ad artisti, autori e titoli che ormai da troppo tempo, e in molti casi da sempre, mancavano al Massimo napoletano. 

La stagione d’opera ha qualità grazie soprattutto a due titoli: Dama di Picche di Čajkovskij e L’amore delle tre melarance di Sergej Prokof’ev, diretti entrambi da Valčuha - abbinati ad un’opera sì pucciniana ma almeno non troppo di repertorio, La Rondine. Accolto con piacere I Puritani di Vincenzo Bellini, e l’Aida di Verdi, che oltre a brillare di luce propria è arricchita dalla regia di Mauro Bolognini, e del celebre scultore Mario Ceroli per la scenografia, La Vedova allegra capolavoro di Franz Lehár con la regia di Damiano Micheletto e Flauto Magico di Mozart con Asher Fisch alla direzione. Non mancano le celebrazioni: quella del 150° anniversario della morte di Saverio Mercadante con un concerto diretto da Francesco Ommassini. Tornano poi più ovvie che mai – ma del resto lecite – Carmen, Tosca, Norma e Traviata. Infine, degli altri nomi prestigiosi, divisi tra opera e sinfonica, da segnalare è la presenza dei direttori Jordi Bernàcer, Dennis Russel Davies, Emmanuel Villaume, Justin Doyle e Zubin Mehta; degli interpreti Patricia Kopatchinskaja, Joyce DiDonato e Neeme Järvi. Più concrete erano le aspettative nei confronti, invece, dei discorsi del governatore della regione Campaia - incentrati su bilanci quadrati e non, su spese, tagli, fondi e non – del Sindaco, sulla vicinanza della città al teatro, della Sovrintendente che, emozionata e pur orgogliosissima, ha proiettato le proprie parole in un futuro sempre carico di meraviglia.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 29 novembre una recita in più della serata di balletto Balanchine/Kylián/Béjart con l'incasso devoluto al teatro veneziano

classica

il 30 novembre il Galà BalletSchoolStars

classica

Presentato il programma del festival del centenario che si apre il 18 luglio 2020 con il tradizionale Jedermann di Hugo von Hofmannstahl