Gianni Basso 1931-2009

È morto il sassofonista astigiano, tra i più influenti solisti italiani del dopoguerra

News
jazz
Il sassofonista Gianni Basso, tra i maggiori solisti italiani del dopoguerra, è morto all'età di 78 anni. Nato ad Asti nel 1931, Basso esordisce in Belgio, dove aveva passato l'infanzia, nella big band di Raoul Falsan, nel 1946. Al ritorno in Italia dà vita, insieme al trombettista Oscar Valdambrini, al Basso-Valdambrini Quintet, esperienza fondamentale del jazz di casa nostra. Molte le collaborazioni internazionali, già a partire dai Cinquanta: con big band (la Clarke/Boland, la Maynard Ferguson Big Band...) e con solisti (Chet Baker, Gerry Mulligan, Lee Konitz, Zoot Sims, Art Farmer...). Recenti, nonostante la malattia, le sue ultime apparizioni dal vivo presso il Jazz Club Torino di cui era presidente onorario.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

Il meglio del jazz del mese scelto dai giornalisti dello Europe Jazz Media

jazz

Iseo Jazz 2021 con Ferra, Zambrini, Intra, JW Orchestra e tanti altri i protagonisti, dal 4 all’11 luglio

jazz

Il programma di Metastasio Jazz a Prato si dedica al "futuro del jazz italiano"