Gatti all'Opera di Roma

Roma: Daniele Gatti è il nuovo direttore musicale

News
classica
Daniele Gatti, Virginia Raggi, Carlo Fuortes ( Foto Yasuko Kageyama)
Daniele Gatti, Virginia Raggi, Carlo Fuortes ( Foto Yasuko Kageyama)

 Daniele Gatti  è il nuovo direttore musicale del Teatro dell’Opera di Roma, con un incarico di tre anni fino al 31 dicembre 2021, il nuovo impegno prevede la direzione di tre opere per ogni stagione, a partire dalla 2019-20. «È un onore per me – ha dichiarato il maestro – poter accogliere questo nuovo incarico nel Teatro dell’Opera della capitale del mio Paese. Due anni fa, su invito del sovrintendente Carlo Fuortes, ho iniziato un percorso con i musicisti e con tutte le persone che lavorano in teatro, che ci ha dato grandi soddisfazioni. Abbiamo realizzato insieme due titoli come Tristan und Isolde e La damnation de Faust, che ha anche vinto il Premio Abbiati, e abbiamo appena inaugurato la stagione con un nuovo Rigoletto. Sono quindi particolarmente felice di poter intensificare il mio lavoro qui, e di legarmi a un teatro che si è recentemente distinto per l’altissima qualità dei suoi progetti e del lavoro di tutti coloro che sono chiamati a realizzarli». Queste le parole del sovrintendente Carlo Fuortes: «Sono contento e orgoglioso per questa nomina perché completa il disegno di rinascita del Teatro dell’Opera di Roma per il quale mi sono impegnato all’atto della mia nomina quattro anni fa. La straordinaria carriera artistica di Daniele Gatti, i risultati da lui raggiunti nella direzione delle opere che gli abbiamo sinora affidato e il rapporto di fiducia reciproca che ha saputo creare con l’orchestra e con il coro mi rendono sicuro di aver compiuto la giusta scelta nell’interesse del Teatro. L’Opera di Roma nel corso degli ultimi anni ha conquistato una sempre maggiore stima da parte del pubblico e della critica. Merito del lavoro di squadra che tutto il Teatro ha svolto e degli artisti che sono venuti a collaborare con noi. A mantenere al suo eccellente livello la nostra orchestra e il nostro coro mancava la figura di un direttore di assoluto valore che potesse offrire ai musicisti un rapporto di continuità: Daniele Gatti saprà assolvere a questo compito egregiamente».


 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentato a Venezia il programma delle attività culturali e musicali della Fondazione “Giorgio Cini” per il 2019 

classica

Un interessante volume dedicato a Giorgio Strehler e i suoi scenografi

classica

Presentati i risultati dell’edizione 2018 della manifestazione di Parma