Franceschini per il jazz

Il ministro della cultura ha incontrato una rappresentanza di musicisti e operatori

News
jazz
Dario Franceschini, ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, ha incontrato questa mattina Paolo Fresu insieme ai rappresentanti delle associazioni italiane di musica jazz (Gianni Pili dell'associazione I-jazz, Ada Montellanico e Francesco Ponticelli dell'associazione MIDJ, Luciano Linzi per Umbria Jazz, Giambattista Tofoni di Europe Jazz Network e Filippo Bianchi, promotore dell'appello "x il jazz". «Il jazz italiano - ha detto Franceschini - rappresenta una autentica ricchezza del patrimonio musicale nazionale e pertanto ne va sostenuta la produzione e la promozione. Particolare attenzione va rivolta inoltre ai giovani talenti, che devono poter maturare in un contesto favorevole per fare della propria passione una vera e propria professione. È giunto il tempo che anche il Governo e il Parlamento riconoscano finalmente questa eccellenza».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

Addio al trombettista texano, stroncato da un arresto cardiaco a 49 anni

jazz

Fino al 13 novembre il festival milanese, con una programmazione eclettica tra mainstream e nuove musiche

jazz

Jazzmadrid 2018 apre con l'Art Ensemble of Chicago, e propone un programma ricco fino a fine mese