Al via la rassegna Il nuovo l’antico di Bologna Festival 2019

Inizieranno il 18 settembre i concerti di Bologna Festival all’Oratorio di San Filippo Neri 

News
classica
Quartetto Nous
Quartetto Nous

Torna l’autunno di Bologna Festival all’Oratorio di San Filippo Neri con i due filoni principali proposti quest’anno «Apologia del quartetto: dalle avanguardie ai giorni nostri» e «Bach versus Händel: due vite parallele». 

Afferma il direttore artistico Mario Messinis: «Abbiamo pensato di dedicare un ciclo ai quartetti d’archi dalle Avanguardie storiche del Novecento a oggi». E infatti i cinque programmi (che scorreranno i compositori maggiori delle avanguardie tra cui Webern, Berg, Bartók, Janáček, Šostakovič, Hindemith, Dutilleux, Ferneyhough, Cage, Carter, Crumb, Kurtág, Ligeti, Lachenmann, Holliger, Gubaidulina, Malipiero, Donatoni, Gervasoni, Vacchi e Stroppa), tutti commissionati appositamente da Bologna Festival, sono stati affidati ai migliori quartetti italiani dell’ultima generazione, vincitori di concorsi nazionali e internazionali, quali il Quartetto Guadagnini, il Quartetto Adorno, il Quartetto Noüs, il Quartetto Lyskamm e mdi ensemble. Si esibirà inoltre anche il Quartetto Werther, che si è aggiudicato il “Premio del Pubblico” nell’ambito della rassegna Talenti. Messinis continua: «La punta più estrema della timbrica astratta è esperita da Stroppa, la neo-semplicità dal primo Cage, la tumultuosa esperienza postmoderna da Crumb, l’ultimo profeta americano. Figurano anche momenti rapsodici di Janáček e Malipiero.» 

Dopo Solomon di Händel, che ha inaugurato la stagione, il Festival dedica proprio a Händel e al suo perfetto coetaneo Bach gli altri quattro concerti della rassegna, i quali mirano a sottolineare le connessioni tra i due compositori, nati a meno di un mese di distanza nella Germania luterana, ma che mai si incontrarono. I programmi vedranno susseguirsi pagine strumentali e vocali (tra cui duetti italiani e cantate) affidati a La Venexiana, Risonanza Ensemble con il soprano Roberta Invernizzi, Arsenale Sonoro e al trio formato da Elinor Frey, Patxi Montero e Paola Poncet.

Tutti i concerti saranno trasmessi in differita da Rete Toscana Classica (www.retetoscanaclassica.it). Per informazioni su biglietti e date www.bolognafestival.it.

 

 

 

 

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Festival della Nazioni dal 20 agosto al 18 settembre

classica

Parte oggi, 29 luglio, la XVI edizione della manifestazione che porta la musica nel cuore della campagna toscana fino all’11 dicembre

classica

Dal 28 agosto al 12 settembre il festival Vicenza in Lirica omaggia Mozart a 250 anni dal primo viaggio in Italia