Addio a Mario Guidi

Addio al manager e operatore culturale Mario Guidi, tra i pionieri del jazz italiano

News
jazz
Mario Guidi con Enrico Rava
Mario Guidi con Enrico Rava (foto di Luciano Rossetti / Phocus Agency)

Da tempo malato, se ne è andato improvvisamente nella sua Foligno Mario Guidi.

Manager, operatore culturale tra i più noti e stimati del jazz italiano (e padre del jazzista Giovanni Guidi), Mario Guidi aveva cominciato l'attività di manager e organizzatore negli anni ottanta, in un momento in cui – ha ricordato Paolo Fresu sulla pagina Facebook della Federazione il Jazz Italiano – quella di manager era semplicemente una «professione» che «non esisteva». 

Guidi, che all'epoca lavorava in ferrovia, dapprima cominciò a collaborare con Rita Marcotulli, per trovarsi in seguito a fianco, con la sua agenzia, di buona parte dei musicisti italiani di maggior spicco, compreso lo stesso Fresu, Stefano Bollani e – soprattutto – Enrico Rava, con cui ha collaborato per oltre trent'anni, fino a oggi. Lo stesso Rava ha ricordato Guidi come persona «innamorato della musica come pochi» che «faceva questo lavoro [...] con una passione unica».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

Ripartita la stagione a Roma, che prosegue fino a settembre con Una striscia di terra feconda 

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network